I media afghani: “Il Mullah Omar è stato ucciso”

Gli Stati Uniti gli davano la caccia dal 2001. La conferma da parte del governo di Kabul

mullaomar

Il leader supremo dei talebani, il mullah Omar, “è stato ucciso”. Lo ha comunicato un funzionario del governo afghano a 1TvNews. L’emittente ha aggiunto che la notizia del decesso di Omar è stata confermata durante una riunione dei vertici della sicurezza afghana. Il mullah Omar è stato emiro dell’Emirato Islamico dell’Afghanistan dal 1996 al 2001, ha vissuto in clandestinità dall’inizio dell’operazione militare degli Stati Uniti.

Le voci sulla possibile morte della guida spirituale dei talebani si sono moltiplicate negli ultimi mesi anche se il sito web dell’Emirato islamico dell’Afghanistan continua a pubblicare suoi messaggi, come quello di una decina di giorni fa in cui si appoggia l’ipotesi di un dialogo fra gli insorti e rappresentanti del governo del presidente Ashraf Ghani.

All’inizio di aprile i talebani hanno diffuso una lunga e particolareggiata biografia del leader in occasione del 19.mo anniversario della sua nomina a comandante supremo, sempre nell’intento di smentire le voci della sua morte.

La notizia della possibile morte di Omar giunge proprio nel momento in cui viene annunciato per venerdì a Islamabad il secondo round di colloqui fra una delegazione talebana ed esponenti del governo che dovrebbe portare all’apertura di un dialogo di pace e riconciliazione nel popolo afghano.

29 luglio 2015

fonte TGCOM24

AP