Renzi: mantengo le promesse “Italia sta meglio di un anno fa”

renzi“La riforma dl mercato del lavoro ci e’ costata scioperi, una polemica costante, i dati del consenso non sono piu’ alti come quelli dell’anno scorso, ma e’ un mio dovere, un mio imperativo morale, fare quello che abbiamo promesso”. Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, replica cosi’ sul treno che da Tokyo lo porta a Kyoto alle polemiche interne. “Quello che conta” aggiunge “sono i risultati. E i risultati il Parlamento li sta portando a casa.
Il Pd e’ una forza tranquilla, come avrebbe detto Mitterand”.

Il premier invita tutti a guardare “dove eravamo un anno fa e dove siamo adesso. E se vi mettete gli occhiali giusti vedrete anche dove saremo tra un anno: con una crescita molto piu’ significativa, le riforme completate e un’immagine piu’ forte del Paese”. In un anno, ricorda Renzi, il governo e il Parlamento hanno approvato “legge elettorale, Jobs act, la P.a., il divorzio breve, la responsabilita’ civile dei magistrati, la riforma della scuola, le leggi anticorruzione, i reati ambientali, la riforma costituzionale in due letture: mi guardo intorno e vedo dove eravamo un anno fa sia in termini di risultati economici, sia in termini di risultati politici.
Questo Parlamento sta lavorando con una intensita’ mai vista nella storia della Repubblica”.

Il premier e’ poi tornato sul tema dei piagnistei: “Siamo nella cornice nella quale ci sono due Italie: una di quelli che ci provano e una di quelli che si lamentano soltanto”, ha detto il premier. “Tra quelli che protestano e quelli che fanno, io rispetto quelli che protestano (e ogni riferimento alla minoranza del Pd e del tutto casuale) ma mi pagano per provare a fare le cose e in questo anno vedo che molto e’ stato realizzato”.

4 agosto 2015

Agi

ER

One thought on “Renzi: mantengo le promesse “Italia sta meglio di un anno fa”

  1. Ma mi viene un dubbio:io chi sono?Dove vivo?Questo dice che l’Italia sta meglio di un anno fa, allora io chi sono? Dove mi trovo? Che confusione….credevo di vivere in Italia!

Comments are closed.