Sparò a Guerra per difendere un collega, trasferito il comandante dei carabinieri

marco pegoraro

L’Arma ha destinato il maresciallo Marco Pegoraro a un ufficio in Legione: è il militare che ha ucciso il giovane squilibrato.

I carabinieri hanno trasferito il comandante della stazione di Carmignano di Sant’Urbano Marco Pegoraro negli uffici della Legione. Il posto di comandante della stazione rimane vacante.

Pegoraro è il carabiniere che ha ucciso con un colpo di arma da fuoco Mauro Guerra, il giovane di Carmignano che stava fuggendo in mutande da casa e che, stando ai racconti dei militari dell’Arma, stava colpendo il brigadiere Stefano Sarto che tentava di bloccarlo.

Guerra il mattino del 29 luglio si era presentato alla vicina stazione dei carabinieri consegnando scritti deliranti. I militari nel pomeriggio si erano presentati a casa sua, anche se poi è stato appurato che non c’era nessuna firma per un regolare Tso.

Dal giorno dopo, il maresciallo Pegoraro si era messo in malattia e adesso è arrivata la decisione di trasferirlo negli uffici della Legione in via Rismondo a Padova. Per il ruolo vacante è stato aperto un bando interno.

Padova 11/08/2015