Crede stiano parlando male di lui: gli spacca gli occhiali e il lunotto

Ha frainteso una frase pronunciata da tre uomini che erano seduti tranquilli al bar a bersi una birra e che non cercavano di attaccar briga. Ma il giovane, un 23enne di Udine, C.B.H. le sue iniziali, si è convinto, a torto, che stessero parlando male di lui. Preso dall’ira, allora, ha iniziato a minacciarli e poi li ha aggrediti: a uno di loro ha spaccato anche gli occhiali. Poi se n’è andato, non prima di mandare in frantumi con un pugno il lunotto posteriore di una vettura posteggiata in strada.

È successo nelle prime ore di oggi, venerdì 25 settembre, intorno alle 3, a Udine. I tre malcapitati hanno chiamato la polizia e una pattuglia è giunta velocemente sul posto: sulla scorta della descrizione fornita dagli aggrediti, tutti del posto, gli agenti delle volanti si sono messi in cerca del 23enne e lo hanno trovato poco distante, con la mano ancora grondante di sangue. Per lui sono scattate lemanette con le accuse di minaccia e danneggiamento aggravati. Il ragazzo era già stato arrestato il 27 luglio scorso per un tentato furto in un’abitazione, messo a segno insieme a un complice: allora la polizia era stata allertata da un vicino e aveva circondato la casa; di seguito al giovane erano stati concessi gli arresti domiciliari ed era tornato libero, infine, solo due giorni fa.

26 settembre 2015

IlGazzettino

ER