Giubileo, flop della sicurezza “Così si può fare un attentato”

Tra due mesi Roma sarà al centro dell’attenzione mondiale per il Giubileo straordinario sulla Misericordia, convocato da Papa Francesco: ecco cosa accade se si lascia uno zaino abbandonato

giubileoflopsicurezza

Tra due mesi Roma sarà al centro dell’attenzione mondiale per il Giubileo straordinario sulla Misericordia, convocato da Papa Francesco.

Tra gli aspetti più rilevanti, il rischio di attentati nella Capitale. Le minacce non mancano. Solo ieri l’Isis sulla sua rivista ufficiale Daqib ha mostrato la foto del Papa definendolo “Pontefice crociato”. Di fatto i servizi di intelligence, soprattutto dopo l’omicidio di Cesare Tavella in Bangladesh sono in allarme per l’apertura del Giubileo. L’Anno Santo diventerà un facile palcoscenico per le azioni dei terroristi islamici e i fanatici dell’Isis. Il ministro Alfano, però, ha detto che “Roma non sarà militarizzata”, anche se molte zone della città saranno chiuse e vi si potrà entrare solo dopo essere passato sotto il metal detector e il controllo anti-esplosivi. Ma a quanto pare i preparativi, sul fronte sicurezza, sono in alto mare.

Secondo quanto mostra un servizio di Agorà, nella Capitale lasciare uno zainetto abbandonato a San Pietro, Stazione Termini e Aeroporto di Fiumicino senza che nessuno intervenga è abbstanza semplice. L’inviata camuffandosi da turista ha fatto un primo test a San Pietro sotto il colonnato del Bernini. Ha abbandonato uno zaino e nessuno è intervenuto per circa 20 minuti. Poi il secondo test viene fatto a Fiumicino. Lo zaino è stato abbandonato in una delel zone d’attesa dell’aeroporto. Anche in questo caso nessun intervento delle forze dell’ordine per circa 60 minuti. Infine ultimo test alla stazione Termini. In questo caso lo zaino resta abbandonato per circa 40 minuti. La borsa questa volta era vuota, ma durante il Giubileo per colpire i terroristo potrebbero ricorrere a metodi simili.

1 ottobre 2015

fonte IlGiornale