Italiano ucciso a Londra, fu coinvolto in furto Tiepolo

Immagine

Nel passato di Sebastiano Magnanini, il veneziano trovato ucciso a Londra, alcuni piccoli precedenti per stupefacenti ma anche il coinvolgimento in un grosso furto d’arte, quello di un quadro del Tiepolo, portato via nel 1993 dalla chiesa di Santa Maria della Fava, a Venezia. Secondo la denuncia, Magnanini e un complice si fecero chiudere di sera all’interno della chiesa, all’insaputa dei frati, e pur potendo agire indisturbati ebbero bisogno di un terzo complice, chiamato durante la notte, per portare a termine il furto del dipinto, “L’Educazione della Vergine”, del Tiepolo, valutato all’epoca circa due miliardi di lire. La tela fu staccata con un taglierino. A quel tempo la chiesa non era dotata di sistemi d’allarme. Ma i tre ladri seminarono tracce lungo il percorso: ad operazione ancora in corso, uscirono per una bevuta in un bar vicino alla chiesa, fumarono alcuni spinelli, e mentre fuggivano fecero cadere la tela per terra, recuperandola e tenendola assieme con un laccio da scarpe. L’opera venne recuperata tre mesi dopo dalla squadra mobile di Venezia in un magazzino nella zona di Tessera, ed i tre protagonisti del furto denunciati. Ma l’indagine ebbe una ‘coda’ sgradevole per le stesse forze dell’ordine. Proprio le modalità sospette del veloce ritrovamento del Tiepolo fecero partire un’inchiesta sull’ipotesi di collusioni con la criminalità da parte di alcuni componenti della Questura veneziana. Si giunse al rinvio a giudizio ed al processo che, dopo l’assoluzione in primo grado degli iniziali otto imputati, portò a dure condanne in appello per un paio di ex ispettori e per un ex capo della mobile veneziana, ritenuti responsabili di aver falsificato gli atti del ritrovamento del quadro del Tiepolo, oltre ad altri ‘scambi’ di favori con elementi malavitosi.

 

Fonte Ansa

Roma, 1 ottobre 2015