Rc Auto, LA SVOLTA: Parte la Tariffa Italia. Prezzi più bassi al Sud. Il nuovo costo sarà di…

Tagliando-assicurazione-auto
Con 338 favorevoli su 383 votanti, la Camera nella giornata di mercoledì ha approvato la proposta “R. C. Auto Tariffa Italia”, portata in aula dal deputato PD Leonardo Impegno. La proposta nata dal “Comitato Promotore R. C. Auto Tariffa Italia” è stata depositata in Cassazione in data 8 maggio 2014 ed ha avuto l’adesione della Federconsumatori Campania che per anni si è attivata sul territorio per questo obiettivo. Per questo, quasi commosso, il Presidente della Federconsumatori, Rosario Stornaiulo commenta: “Ricordo quando ci dicevano che non ce l’avremmo mai fatta, che alla fine avrebbero comunque deciso le grandi lobby. Noi non ci siamo arresi e quella di oggi è una grande vittoria. Un risultato, che oserei definire storico per la nostra terra, dopo anni in cui siamo stati costretti a subire un’enorme ingiustizia. Finalmente il Parlamento ha fatto un passo decisivo per quella che è l’applicazione di un principio di giustizia sociale”. Infatti, “RC Auto: tariffa Italia” mira, indipendentemente all’area territoriale a premiare gli automobilisti virtuosi. In pratica tutti coloro che negli ultimi cinque anni non hanno avuto sinistri, possono accedere alla tariffa corrispondente alla migliore media d’Italia, indipendentemente da quale sia la loro provincia di residenza. “A Napoli così come per molte città del Sud – commenta Stornaiuolo – il costo dell’assicurazione si abbasserà notevolmente per i cittadini virtuosi. Gli automobilisti non pagheranno più un sovrapprezzo spropositato per il solo fatto di risiedere nella città partenopea. Ringrazio Leonardo Impegno, Rosario Amato e tutti i comitati che si sono attivati per questo risultato, tutte le sedi Federconsumatori meridionali, il movimento “Mò Basta” e il comitato “Dalle Proteste alle Proposte. Non è solo la vittoria della Federconsumatori o di chi ha proposto la legge, è una vittoria collettiva, di tutti i napoletani e dei meridionali che non ci stanno ad essere trattati da cittadini di Serie B”.

La provincia partenopea fin ad ora è quella con il prezzo più elevato (727 euro), mentre a Prato e Caserta la media dei prezzi è di 642 e 627 euro. L’analisi delle cifre evidenzia che Napoli e provincia pagano in media 173 euro in più rispetto alla decima provincia più costosa (Brindisi). E la differenza tra la provincia in cui i prezzi sono più alti, appunto Napoli, e quella in cui sono più bassi (Aosta) è in media di 425 euro. QUINDI IL COSTO DELL’RC AUTO per gli automobilisti virtuosi potrebbe scendere da 727 euro a poco più di 300 euro

1 ottobre 2015

fonte retenews24