Meningite “C”, muore una 44enne. L’Asl rende nota la lista dei luoghi frequentati dalla donna

attenzione
E’ deceduta nella notte M.C.P la donna di 44 anni di Carmignano ricoverata per sospetta meningite di tipo C. Le sue condizioni erano gravissime già al momento del ricovero al Santo Stefano. La donna è originaria di Poggio a Caiano ma abitava a Seano.

I suoi bambini frequentano la scuola delle Minime Suore del Sacro Cuore di via Sangallo a Poggio e già da ieri era scattata la profilassi a tappeto nella famiglia della donna, degli ambienti da lei frequentati. E’ il primo caso dopo i numerosi episodi dello scorso inverno e della primavera che hanno falcidiato la Toscana.

Immediatamente sono state attivate le procedure per la profilassi alle persone entrate in stretto contatto con la donna. Dall’Asl 4 fanno sapere che l’antibiotico impiegato a questo scopo “è già stato somministrato ai familiari e alle persone che vivono a più stretto contatto, nonché ai sanitari del 118 e dell’ospedale che l’hanno assistita”.

Il servizio di prevenzione della Asl 4 di Prato ha inoltre individuato le situazioni nelle quali la donna nei giorni precedenti potrebbe aver avuto contatto con altre persone e lancia un appello a chi dovesse essersi trovato in quei luoghi nelle stesse date ed ore a rivolgersi alla guardia medica del proprio Comune o direttamente in via Lavarone 3/5 a Prato, dove ha sede il servizio di prevenzione della Asl 4.

Si tratta delle persone che sabato 26 settembre sono state al ristorante Cavallino rosso di Valenzatico, nel comune di Quarrata, dove la donna ha pranzato; che domenica 27 settembre alle ore 10 hanno seguito la messa alla parrocchia Santa Maria del Rosario in piazza del Santissimo Rosario a Poggio a Caiano; che giovedì 1 ottobre hanno partecipato all’incontro religioso tenutosi nella medesima parrocchia fra le 21.15 e le 22. L’appello viene inoltre rivolto ai genitori degli alunni della scuola materna ed elementare delle Suore minime in piazza Santa Maria del Rosario a Poggio a Caiano frequentata dai figli della donna deceduta. “La campagna di vaccinazione voluta dalla Regione Toscana nella Asl 4 ha consentito finora di eseguire oltre 9.200 vaccini fatti al dipartimento della prevenzione ma anche dai medici di medicina generale e dai pediatri che hanno aderito al programma”, sottolineano dall’Asl.

Poggio si è svegliata sotto la pioggia e sotto un cielo di profonda tristezza poiché i genitori di M.C.P vivono qui così come molti altri suoi familiari.

4 ottobre 2015

fonte LaNazione

AP