Arrivano altri 170mila profughi 775 guardie in Italia e Grecia

L’Agenzia europea per controllo delle frontiere convoca altri operatori per far fronte ai nuovi arrivi. Entro fine dell’anno previsti altri 170 mila arrivi

Immigrazione: a Salerno nave Etna con oltre 2mila profughi

Quasi 800 uomini per la più grande richiesta di personale nella storia di Frontex.

L’Agenzia europea per controllo delle frontiere ha fatto una specifica richiesta agli stati membri per avere 775 persone tra traduttori, personale di sicurezza e sanitario, da distribuire principalmente sulle frontiere esterne di Italia e Grecia.

Dall’inizio di quest’anno sono arrivati più di 470mila rifugiati in Grecia e in Italia e nessun Paese è in grado di gestire da solo una tale pressione migratoria con i propri mezzi” ha detto il direttore di Frontex, Fabrice Leggeri. “È fondamentale – continua Leggeri – che tutti i richiedenti asilo che arrivano in Unione europea siano debitamente registrati e identificati”.

La maggior parte degli operatori, 670, verranno destinati alle frontiere di Italia e Grecia mentre gli altri verranno disposi lungo altri confini dell’Unione. Questa iniezione di operatori porterà a quasi 1000 persone la forza di forza che attualmente opera lungo i confini che si aggiunge ai 300 operatori sulle imbarcazioni che pattugliano le cose greche e ai 400 delle coste italiane.

Gli operatori dovranno determinare la nazionalità dei migranti per registrarli ma anche raccogliere informazioni sulle reti del traffico illegale di migranti. In un ‘intervista al gruppo editoriale francese Ebra, Leggeri ha dichiarato che dall’inizio dell’anno “Sono 630.000 i migranti entrati illegalmente nell’Ue”. Entro la fine dell’anno sono previsiti oltre 800mila arrivi all’interno dell’Ue.

5 ottobre 2015

fonte IlGiornale

AP