Tariffe cellulari: cambia tutto. Ecco il messaggio che riceverai dal tuo operatore

cellulare
Stop agli aumenti nelle tariffe telefoniche non comunicati chiaramente al consumatore: d’ora in avanti nelle fatture e nei punti vendita, e sui cellulari con un sms che recherà la scritta “Comunicazione importante: modifica delle condizioni del contratto”, gli operatori saranno tenuti a far conoscere chiaramente il contenuto delle modifiche, da quando hanno inizio e soprattutto la possibilità di recesso senza alcuna penale. E’ una delle principali novità contenute in una delibera dell’Autorità per le comunicazioni che ha approvato contestualmente un regolamento ad hoc.

L’Agcom ha infatti deciso un giro di vite sulle modifiche che alcuni operatori telefonici, partendo dalla possibilità offerta dal codice delle comunicazioni (art. 70 comma 4), apportavano ai contratti spesso con modalità piu’ di marketing che di informazione di servizio e senza adeguati ragguagli sul possibile recesso. Tra gli esempi piu’ recenti: il servizio di reperibilità passato da gratis a pagamento oppure le modifiche che avevano portato nel mobile la fatturazione a 28 giorni (con un aumento medio delle tariffe dell’8%).

La dicitura indicata dall’Agcom agli operatori è questa: “Hai diritto entro il (gg.mm) di recedere dal contratto, o di passare ad altro operatore, senza penali”. Perchè non solo l’utente ha pieno diritto di recedere dal contratto ma puo’ anche chiedere contestualmente il passaggio ad un altro operatore. In tal caso, nel periodo tecnicamente necessario per tale passaggio, l’operatore che ha modificato le condizioni deve applicare quelle precedenti.

Il regolamento sulle modifiche unilaterali riguarda le comunicazioni elettroniche quindi anche i servizi televisivi a pagamento; se non è possibile comunicare personalmente, anche per via telematica, l’avviso di modifica contrattuale, la pay tv deve utilizzare anche annunci da trasmettere per l’intero periodo di preavviso, nelle ore e sui canali di maggiore ascolto.

6 ottobre 2015

fonte Italiaora