Amedeo, senza casa, va a dormire dalle suore. ​Ma il giorno dopo il conto è salatissimo -Guarda

amedeosenzacasa
Tutti, nella zona intorno a piazza Sempione, conoscono Amedeo. Anche, e soprattutto, molti esponenti della politica romana, perché è nel cuore di Montesacro che ha la propria sede istituzionale il Municipio III.

Amedeo, che non è più giovanissimo ed ha problemi di salute, non ha una casa. Operato da poco al cuore, l’uomo è costretto a vagare intorno a piazza Sempione per racimolare qualche spicciolo e potersi permettere un tetto, anche solo per una notte. In questa zona ci sono diversi alberghi e pensioni, ma Amedeo non può permetterseli, e quindi ha pensato di pagare il pernottamento in un istituto di suore a Montesacro. Al mattino seguente, al momento di saldare, l’amara sorpresa: per una sola notte il conto segnava la bellezza di 35,50 euro.

«Amedeo non si ferma mai, anche se non è in gran salute, e lo si vede spesso pulire piazza Sempione in cambio di qualche spicciolo, ed è normale quando uno è abituato a lavorare» – denuncia a RomaPost.it Fabrizio Cascapera del Centro Democratico – «Va aiutato, perché per una vita intera ha lavorato e pagato le tasse. Trovo scandaloso che istituti religiosi, esenti dal fisco, facciano un simile business sulla pelle delle persone, e spero che il Comune o il Municipio possano aiutare Amedeo. Forse la pubblicità e gli incentivi saranno minori rispetto ad altre categorie, ma per una volta aiutiamo gli italiani».

8 ottobre 2015

fonte IlMattino

AP