Uccise giovane credendolo ladro, pensionato condannato a 17 anni

GIUSTIZIA

L’uomo sparò a un 27enne che si era introdotto nel suo podere agricolo. La difesa: «La Corte ha fatto diventare il ladro la vittima e colui che voleva difendersi il carnefice»

La prima Corte d’assise di Catania ha condannato a 17 anni di reclusione per omicidio volontario, Giuseppe Caruso, 71 anni, agricoltore che il 26 aprile del 2013 sparò a un giovane nel suo podere di Puntalazzo, a Mascali, nel Catanese. La vittima, Roberto Grasso, 27 anni, morì pochi giorni dopo all’ospedale Cannizzaro. L’uomo sostenne di aver sparato perché un ladro si era introdotto nel suo fondo agricolo. Il pm Alessandro La Rosa aveva chiesto per l’imputato la pena di 21 anni di reclusione.

Le difesa: legittima difesa

La difesa di Giuseppe Caruso, che è agli arresti domiciliari, rappresentata dall’avvocato Giuseppe Lipera, ha sempre sostenuto la tesi della legittima difesa e dell’uso legittimo delle armi. Nel processo si sono costituiti come parte civile il figlio, i genitori e i fratelli della vittima. «Non condivido la sentenza di condanna della Corte d’Assise di Catania e lo dichiaro con assoluta convinzione e senza alcun bisogno di attendere, come dicono tutti, le motivazioni della decisione che si avranno solo entro novanta giorni». È quanto affermato dall’avvocato Lipera.

Lipera: «Impugnerò sentenza»

«Impugnerò, nell’interesse del mio assistito e del superiore interesse della Giustizia – annuncia in una dichiarazione il penalista – questa sentenza, che non credo rispecchi il pensiero della stragrande maggioranza dei cittadini onesti italiani. Caruso Giuseppe ha ucciso, è vero, ma in maniera preterintenzionale e per legittima difesa un ladro, non un onesto cittadino. Si è dovuto difendere, in piena notte, da un giovane che travisato nel volto, si è furtivamente introdotto nella sua proprietà». Secondo l’avvocato Lipera «nel caso del signor Caruso la Corte è stata capace di far diventare il ladro la vittima e colui che voleva difendersi il carnefice».

Il pensionato di Vaprio d’Adda

La vicenda di Caruso ricorda quella del pensionato di Vaprio d’Adda, Milano, che nei giorni scorsi, ha fatto fuoco contro un ladro che si era introdotto per derubarlo nella sua stanza da letto.

 

 

Fonte CORRIERE DELLA SERA

Roma, 28 ottobre 2015