Violentata a 13 anni, si vendica sullo stupratore decapitandogli il figlioletto

atrocevendetta

Una ragazzina di 13 anni è accusata di aver decapitato un bambino di cinque anni. L’assassinio sarebbe una forma di vendetta nei confronti del padre del piccolo, dal quale la giovane sostiene di essere stata violentata.
L’adolescente, che viene da un villaggio nel nord dello stato dell’Uttar Pradesh in India, ha raccontato di essere stata aggredita all’inizio di questo mese.

Secondo la polizia, che ha ritrovato il corpo del bambino bruciato e avvolto in un sacco di plastica, la 13enne lo avrebbe avvicinato mentre stava giocando. Mentre la ragazzina è stata accusata di omicidio, il presunto caso di stupro è ancora oggetto di indagine. Secondo quanto dichiarato da fonti di polizia, la ragazza vieen da una famiglia molto povera ed è stata più volte avvistata mentre faceva uso di sostanze stupefacenti.

28 ottobre 2015

fonte IlMessaggero

AP