Bimbo down viene rifiutato dalla mamma, ma il papà afferma: “lui è perfetto, posso crescerlo!”

Un papà deve prendere una decisione molto difficile
Ai giorni nostri un papà di origine neozelandese, Samuel Forrest, ha dovuto compiere un’altra scelta non meno dolorosa, decidendo se rimanere con sua moglie abbandonando il figlio nato con la Sindrome di Down, oppure di occuparsi del bimbo, ma perdendo così la moglie.

Abbandonato dalla madre per vergogna. Il piccolo Leo nato con la sindrome di down, infatti, è stato considerato motivo di imbarazzo per la famiglia della donna che ha deciso di non prendersi cura di lui.

Il piccolo fortunatamente è stato accolto, invece, con gioia dal suo papà. Samuel Forrest ha dovuto scegliere tra suo figlio e sua moglie, Ruzan Badalyan.

La donna poche ore dopo il parto avvenuto in Armenia, gli ha chiesto di scegliere tra lei, sposata solo 18 mesi prima, e il figlio tanto atteso.

Samuel ha scelto il piccolo Leo, non accettando l’idea che suo figlio potesse essere abbandonato solo per la sua invalidità.
La donna si era rifiutata di guardare e toccare il bambino, sostenendo che sarebbe stata una vergogna per tutta la famiglia.
Oggi il padre ha chiesto alla rete una raccolta fondi per potergli permettere di tornare a casa sua, in Nuova Zelanza, insieme a suo figlio, in un luogo in cui non sarà vittima di discriminazioni. La petizione si chiama Bring Leo Home e in poche ore ha superato i 170 mila dollari.

Samuel ha annunciato che con i soldi della raccolta tornerà a casa e penserà al futuro di Leo, ma visto il grande cuore della rete ce ne saranno abbastanza anche per aiutare e sostenere i genitori con figli disabili in Armenia.

(fonte IlMattino)