Cattivi voti a scuola. Una semplice punizione si trasforma in tragedia

CarabinieriHa ucciso la madre perché le aveva tolto il cellulare e il computer dopo l’ennesimo brutto voto a scuola. Un affronto troppo grande per lei che ha deciso di “punire” la propria madre sparandole un colpo in testa. Una studentessa di 17 anni è stata arrestata dai carabinieri a Melito Porto Salvo (Reggio Calabria) per l’omicidio della madre, Patrizia Crivellaro, una infermiera di 44 anni uccisa il 25 maggio scorso con un colpo d’arma da fuoco alla tempia. Dopo il delitto i carabinieri sono riusciti a ricostruire l’accaduto con le responsabilità della ragazza.

Gli investigatori dell’Arma avevano raccolto la testimonianza, ritenuta fantasiosa, della ragazza, che aveva raccontato che un uomo alto più di due metri si era introdotto in casa e aveva sparato alla madre ma i sospetti su di lei sono aumentati quando dallo stub sono emerse tracce di polvere da sparo confermati dalle impronte digitali trovate sulla pistola, legalmente detenuta dal marito della vittima.

Al momento della tragedia le due donne erano sole, subito dopo la ragazzina chiese aiuto allo zio. L’infermiera venne trovata riversa su un fianco nel letto della propria camera, con l’arma vicino al corpo. I medici del 118 la trovarono in un lago di sangue con la ferita alla tempia. La giovane, secondo gli investigatori, avrebbe agito con lucida freddezza e con premeditazione.

I frequenti rimproveri alla figlia per il cattivo andamento scolastico sarebbero il movente dell’omicidio. I rimproveri sarebbero culminati con il divieto categorico dell’utilizzo del cellulare e soprattutto del computer, con il quale la ragazza, pare, passasse parecchio tempo collegata a noti social network. Da qui sarebbe maturata la decisione di uccidere la propria madre.

La ragazza, terminate le formalità, è stata portata, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Reggio Calabria, in un istituto penitenziario minorile fuori dalla Calabria.

29 ottobre 2015

IlMessaggero

ER