Meteo: Italia investita da un nuovo ciclone. 4 giorni di piogge alluvionali, ecco da quando

maltempo
E’ sempre più vicina all’Italia la perturbazione atlantica che nei prossimi giorni provocherà forte maltempo, dopo i primi nubifragi di stamattina in Toscana. Un ciclone attraverserà l’Italia da nord verso sud, concentrandosi poi per tutto il weekend nelle estreme Regioni meridionali dove si verificheranno i fenomeni di maltempo più estremo. Ma andiamo con ordine.

I primi fenomeni di maltempo colpiranno il nord nella prossima notte e nelle prime ore della giornata di domani, giovedì 29 ottobre: forti temporali colpiranno la Liguria di levante e l’alta Toscana nelle prime ore del mattino (ma inizieranno nella notte), estendendosi a Lombardia ed Emilia. Nel corso della giornata, e soprattutto tra tarda mattinata e primo pomeriggio, il maltempo si estenderà anche al nord/est raggiungendo il Veneto e le zone più occidentali della pianura friulana: anche qui avremo intensi nubifragi con piogge torrenziali e locali grandinate. Il “transito” del maltempo sarà abbastanza rapido sulle regioni settentrionali, intenso ma veloce, e si esaurirà nel giro di qualche ora.

Nel pomeriggio di giovedì 29, intanto, la perturbazione avanzerà verso il basso Tirreno e si formeranno forti temporali tra Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, soprattutto nord/orientale. I fenomeni si intensificheranno nella serata e nella notte successiva dando luogo a intensi rovesci e fenomeni intensi soprattutto tra Puglia e Basilicata e nel basso Tirreno tra Calabria e Sicilia.

I fenomeni più estremi di maltempo, infine, sono quelli che si verificheranno negli ultimi tre giorni della settimana tra venerdì 30 ottobre, sabato 31 e domenica 1 novembre. Si tratterà di piogge alluvionali concentrate nelle zone joniche di Calabria e Sicilia, venerdì in modo particolare nella Calabria jonica centro/settentrionale, tra le province di Cosenza, Crotone e Catanzaro, soprattutto nelle aree già alluvionate di Rossano Calabro e Corigliano Calabro dove potranno verificarsi nuovi eventi estremi con picchi di oltre 150mm di pioggia, poi via via in scivolamento verso sud con estensione dei fenomeni sin dalla serata di venerdì anche al reggino, nella Calabria meridionale, e dalle prime ore di sabato sulla Sicilia orientale, dove per quasi 48 ore, fino a domenica sera, si verificheranno piogge alluvionali con possibili accumuli superiori ai 250-300mm di pioggia soprattutto tra le province di Messina, Catania, Siracusa e Ragusa.

Al Sud il transito della perturbazione sarà molto più lento perchè il ciclone, una volta attraversata tutta l’Italia nel corso di 36 ore, stazionerà a lungo nel Canale di Sicilia, per quasi 60 ore, alimentando fenomeni di maltempo estremo prima di allontanarsi definitivamente all’inizio della prossima settimana. Attenzione non solo alle piogge torrenziali, ma anche ai forti venti orientali che soffieranno in modo impetuoso alimentando forti mareggiate sulle coste esposte.

29 ottobre 2015

fonte italiaora