+++ CANONE RAI: ECCO IL MODULO PER NON PAGARE SENZA CONTROLLI A CASA +++

raiway
E’ bene ricordarsi che il cosiddetto canone di abbonamento Rai e’ in realta’ un’imposta sul possesso del televisore da pagare indipendentemente dal fatto che si guardino o meno i programmi della tv di Stato. Pertanto, per smettere di pagare questa imposta, il contribuente dovra’ chiedere il suggellamento del proprio televisore, oppure denunciarne la cessione a terzi (regalo, vendita, rottamazione, furto etc.).

Se invece non si e’ mai posseduto un televisore, ma la Rai chiede il pagamento tramite raccomandata, utilizzare questo modulo preparato da Aduc, l’associazione dei consumatori.

>>>> ATTENZIONE!
Lettera da inviare per raccomandata A/R quando si ricevono dalla Rai richieste di pagamento per il canone Rai e non si possiede un televisore. Utilizzare questo modulo solo quando le richieste della Rai giungono per raccomandata, altrimenti e’ consigliabile ignorarle.
N.B. Non utilizzare questo modulo per rispondere a una cartella esattoriale o a un preavviso di fermo amministrativo (in questi casi e’ necessario fare ricorso alla Commissione tributaria provinciale o al giudice dell’esecuzione).
>>>>>

Spett.le RAI -sede di…………-

……………..,../../..

p.c.
Aduc, Associazione per i diritti degli Utenti e Consumatori
via Cavour 68, 50129 Firenze (*)

OGGETTO: prot. APA/SA/SS/…………….

Spettabile Direzione,
In relazione alla Vostra datata Torino, ../../.., io sottoscritto/a …………..residente in……………..Via……………. desidero specificare che la presunzione che in ogni abitazione debba obbligatoriamente esservi un apparecchio radiotelevisivo e’ errata.
Non essendo in possesso di alcun apparecchio atto o adattabile alla ricezione delle radioaudizioni (per quanto strano possa risultarvi), ritengo non abbia pregio la Vostra richiesta di pretendere da me il pagamento del canone, ne’ che sia il caso, da parte mia, di pagare una tassa per qualcosa che non ho e che non utilizzo.
Conseguentemente, Vi inviterei a voler comunicare quanto sopra alla sede di Torino, onde provvedere alla cancellazione del mio nominativo dai Vostri archivi centrali.
Naturalmente, siete nel pieno diritto di pretendere un’ispezione, delegando cio’ all’Amministrazione Finanziaria.
Sono pero’ costretto ad avvisarVi che, nel caso in cui doveste provvedere in tal senso, mi vedro’ mio malgrado costretto ad adire le vie legali per ottenere il rimborso dei danni subiti a causa di un Vostro comportamento immotivato e lesivo (non ha legittimita’ effettuare un controllo in assenza di elementi concreti che lascino presupporre un’evasione, essendo cosi’ immotivato tale Vostro comportamento).
In relazione al questionario da Voi allegato, mi permetto di suggerirVi di inserire anche la possibilita’ -totalmente mancante- per chi, come me, non sia in possesso di tale apparecchio tassabile.
Sperando di non dover ulteriormente ribadire quanto sopra e auspicando cosi’ un pronto accoglimento delle mie richieste e affermazioni, che spero chiarificatrici, ma rimanendo comunque a disposizione per Vostre ulteriori richieste di chiarimento, porgo

Distinti Saluti,

Data__________________Firma____________________________