Finto assicuratore truffa coppia d’anziani con falso incidente

CARA 4

Anziani truffati e derubati in casa, con un raggiro degno della trama di un film. Ieri mattina, intorno alle 11, i coniugi reatini Domenico Di Filippo, 80 anni, e la moglie Linda Santoprete, di 78 anni, assieme alla figlia quarantatreenne, sono stati raggiunti da una telefonata nella loro casa di via Pietro Boschi. Una telefonata che ha messo subito in allarme i due anziani. «Signora – hanno intimato dall’altro capo del telefono, con una tecnica d’aggancio quantomeno fantasiosa – suo figlio Paris ha causato un incidente gravissimo, ora si trova in caserma e la macchina che risulta a suo nome è stata sottoposta a sequestro. Deve consegnarci subito cinquemila euro, perché l’auto non è coperta da assicurazione».

LA REAZIONE
L’anziana donna, in preda al panico, ha risposto che, al momento, era in possesso di soli millecinquecento euro: a quel punto, i malviventi hanno dichiarato che intanto potevano bastare e che, a breve, sarebbe andato a casa loro un addetto dell’agenzia assicurativa per riscuotere il contante. E così è stato accordato. Nel frattempo, il marito della donna, ha tentato di chiamare uno dei figli (ne hanno cinque ), ma i cellulari risultavano disattivati: terminata la telefonata con il malfattore, hanno cercato immediatamente di chiamare con il telefono fisso, ma ogni volta rispondeva sempre l’ipotetica agenzia assicurativa. Dopo una trentina di minuti, la coppia è stata raggiunta dal falso agente assicurativo, che si è fatto consegnare il denaro per poi dileguarsi. Ripresisi dallo sconcerto, gli anziani hanno tentato nuovamente di chiamare al telefono una delle figlie e, questa volta, sono riusciti nell’intento ma, ormai, il piano ben architettato era stato messo a segno e non è restato altro che avvisare i carabinieri per presentare la denuncia. Questo va ad aggiungersi a tutta una serie di furti ai danni di abitazioni e attività commerciali che stanno interessando il Reatino.

 

Fonte IL MESSAGGERO

RIETI, 4 novembre 2015