Vaticano procede per riciclaggio, indagato Nattino, presidente di Banca Finnat Euramerica

Immagine

Sospetti sulla possibilità che l’Apsa sia stata utilizzata da persone estranee alla Santa Sede.

Indagato Nattino, rogatorie Svizzera e Italia Il promotore di giustizia vaticano, in seguito a un rapporto dell’Autorità di informazione finanziaria, ha indagato Gianpietro Nattino per operazioni di compravendita titoli e transazioni, e per questo ha chiesto la collaborazione a Italia e Svizzera, tramite rogatorie. Non ci sono altri indagati. Il nome di Nattino era emerso ieri in un rapporto di “investigatori del Vaticano”, pubblicato in esclusiva dal sito di Reuters, relativo ad “eventuale riciclaggio di denaro, insider trading e manipolazione del mercato” in cui sarebbe stata utilizzata l’Apsa, l’Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica che gestisce finanze ed immobili d’Oltretevere. Il rapporto, di 33 pagine, sospetta che l’Apsa sia stata utilizzata da persone estranee al Vaticano, con eventuale complicità di personale Apsa, in violazione dei propri regolamenti. In particolare, gli investigatori finanziari vaticani hanno evidenziato un “portfolio” che sarebbe stato relativo a Gianpietro Nattino, presidente di Banca Finnat Euramerica SpA, il cui contenuto “oltre 2 milioni di euro” sarebbe stato trasferito in Svizzera poco prima che in Vaticano fossero introdotte le nuove leggi contro il riciclaggio

Nattino si è difeso: “Ribadisco di aver sempre operato nel pieno rispetto delle normative in vigore, con la massima trasparenza e correttezza. Sono ovviamente a disposizione delle Autorità competenti per fornire ogni chiarimento”.

Padre Lombardi ha voluto sottolineare che il Papa non è sconfortato dal’inchiesta giudiziaria che ha portato all’arresto di mons. Balda e di Francesca Chaouqui.

‘Il Vaticano – ha aggiunto – non prende decisioni sulla base dei libri di Nuzzi e Fittipaldi. Il Vaticano conosce già molto bene la realtà e sa cosa deve fare”.

Un monsignore in cella. Una ex collaboratrice laica del Vaticano anch’essa arrestata, e in breve rilasciata perché ha immediatamente collaborato con le indagini. Sono questi, finora, i contorni della nuova bufera giudiziaria scoppiata Oltretevere per la rinnovata azione dei “corvi”, la fuga di notizie e carte segrete finite in inchieste giornalistiche e ora in due libri di imminente uscita. Un nuovo, bruciante caso ‘Vatileaks’ a distanza di tre anni e mezzo da quello che portò in cella l’ex maggiordomo papale Paolo Gabriele per i documenti trafugati nella segreteria di Benedetto XVI. Dopo quasi sei mesi di indagini della Gendarmeria vaticana sulla sottrazione e divulgazione di carte riservate – l’inchiesta è partita a maggio – i clamorosi sviluppi si sono concretizzati tra sabato e domenica.

Resta in cella, la stessa nel Palazzo della Gendarmeria dove per cinque mesi fu rinchiuso Paolo Gabriele, mons. Vallejo Balda, la cui posizione è al vaglio del magistrato inquirente. La donna, si è appreso, ha dato grande collaborazione per definire i contorni delle responsabilità e per contestualizzarle, fornendo anche i relativi riscontri. Chaouqui, che ha respinto le accuse dando la sua collaborazione per accertare la verità, “ha fornito agli organi procedenti massima collaborazione e ha depositato documenti a supporto delle dichiarazioni rese”, ha confermato l’avvocato difensore Giulia Bongiorno, aggiungendo che “essendo venute meno le esigenze cautelari è già rientrata a casa ed è certa di chiarire in tempi rapidissimi la propria posizione”. “Confido di uscire innocente dalla vicenda”, ha detto Francesca Chaouqui. La donna ha avuto un lungo colloquio con l’avv. Bongiorno, ribadendo, “massima collaborazione” e assicurando che intende collaborare, “soprattutto a tutela dell’immagine del Vaticano”.

In Vaticano, però, le prove a carico sono giudicate “molto forti e concrete”, comunque diverse tra i due indagati. Non si sa ancora se per Vallejo Balda partirà anche un procedimento canonico. Dopo l’arresto del sacerdote, la prelatura dell’Opus Dei ha manifestato “sorpresa e dolore”, sottolineando di non disporre “di alcuna informazione sul caso”. “Se l’accusa si dimostrasse confermata, sarebbe particolarmente doloroso per il danno arrecato alla Chiesa”, ha aggiunto. Pur non essendo nessuno dei due indagati cittadino vaticano, a procedere autonomamente sono state le autorità d’Oltretevere dal momento che il presunto reato sarebbe stato commesso nella città-Stato. La divulgazione di notizie e documenti riservati è un reato previsto dalla legge n. IX del Vaticano, del luglio 2013, che ha introdotto l’art. 116 bis nel Codice penale d’Oltretevere, punendolo con la reclusione fino a otto anni. Gli accertamenti della Gendarmeria avevano preso le mosse dalla pubblicazione di documenti riferibili alla Cosea già in inchieste sull’Espresso del giornalista Emiliano Fittipaldi, poi ulteriormente incentivati e anche accelerati dalla pubblicazione a giorni, entrambi il 5 novembre, del volume dello stesso Fittipaldi “Avarizia” (Feltrinelli) e di “Via Crucis” di Gianluigi Nuzzi (Chiarelettere), quest’ultimo già autore di quel “Sua Santità” con le carte fornite da Gabriele nella Vatileaks numero uno. A tale proposito, la Santa Sede rileva chiaramente che i libri annunciati, “anche questa volta, come già in passato, sono frutto di un grave tradimento della fiducia accordata dal Papa e, per quanto riguarda gli autori, di una operazione per trarre vantaggio da un atto gravemente illecito di consegna di documentazione riservata”. Prossimi passi dell’azione vaticana, che sulla vicenda intende mantenere una linea di evidente fermezza, potrebbe riguardare quindi proprio l’uscita dei due volumi e i rispettivi autori, cui viene attribuita una “operazione i cui risvolti giuridici ed eventualmente penali sono oggetto di riflessione da parte dell’Ufficio del Promotore in vista di ulteriori provvedimenti, ricorrendo, se del caso, alla cooperazione internazionale”. “Pubblicazioni di questo genere – viene rimarcato – non concorrono in alcun modo a stabilire chiarezza e verità, ma piuttosto a generare confusione e interpretazioni parziali e tendenziose. Bisogna assolutamente evitare l’equivoco di pensare che ciò sia un modo per aiutare la missione del Papa”.

Codice vaticano prevede reclusione fino a 8 anni

 

Fonte Ansa

Roma, 4 novembre 2015