IL MISTERO: LE NAVI DA GUERRA ALLINEATE IN ITALIA. LA MARINA NON RISPONDE

navigizzeria
Quattro navi militari sono giunte nel tardo pomeriggio di ieri 3 novembre nel Golfo di Sant’Eufemia, più precisamente dinanzi la costa di Gizzeria.

La notizia clamorosa è data solo da un sito locale  e non ha avuto nessun riscontro in nessun organo di stampa regionale o nazionale; eppure la circostanza è eccezionale poiché le quattro imbarcazioni, dalle foto presenti nel sito si presentano perfettamente allineate,  quasi come se si dovesse procedere a uno sbarco militare. Questo evento, scrive il sito gizzeriaonline,   hanno provocato molta curiosità fra gli abitanti di Gizzeria Lido e del circondario, i quali, numerosi,  si sono recati nelle vicinanze per vedere le enormi navi da guerra.

Un altro sito che ha dato la notizia  ha spiegato che si trattava di quattro navi delle navi si sono disposte allineate con la prua verso la costa, hanno sostato fino al calare del sole e poi sono andate via. Massimo riserbo da parte della Marina Militare interpellata dai redattori de “Il lametino” per avere maggiori dettagli sulla presenza di ben quattro navi militari nello specchio antistante la costa di Lamezia Terme.

A meno che non si tratti di foto false e, quindi, di una notizia taroccata, e non si ha alcun elemento per sostenere questa tesi, quello che è avvenuto ieri pomeriggio è sufficiente a scatenare un fiume di interrogativi e commenti. Cosa ha portato ben quattro navi militari a ridosso della costa calabrese per un intero pomeriggio? Perché la Marina non dà spiegazioni agli organi di stampa che chiedono informazioni? Cosa si vuole nascondere? E in questi casi le autorità locali non dovrebbero essere allertate preventivamente per evitare psicosi collettive? Il caso del trasbordo delle armi chimiche siriane a Gioia Tauro è un ricordo vivo nella popolazione calabrese, la quale ha temuto pericoli sul fronte sanitario

Molto semplicemente, le quattro navi potrebbero far parte dell’esercitazione in corso nel Mar Mediterraneo denominata “Trident Juncture 2015”, ovvero l’esercitazione interforze militare della Nato che ha preso inizio il 21 ottobre e si protrarrà sino al 6 novembre vedendo impiegati in Spagna, Portogallo, Italia, nelle acque dell’Oceano Atlantico e del Mar Mediterraneo, assetti aerei, terrestri e navali delle Forze Armate italiane e di altri ventisette Paesi dell’Alleanza Atlantica, comprese sette nazioni partner, ma nessuno ha detto niente, alimentando le ipotesi e le paure.

5 novembre 2015

fonte net1news