«Mia moglie è un’infermiera, ed è un’eroina»: il post commuove

Il post su Rayena Wesson

Un post commovente di un marito innamorato e devoto ha riscosso tanto successo sul web al punto da essere condiviso più di 615mila volte. L’uomo rende omaggio alla donna, Rayena Wesson, un’infermiera dell’Alabama.

Ogni giorno lascia marito e figlio per affrontare duri turni di lavoro, spesso casi di emergenza.
Il post pubblicato su Facebook accompagna una tenera foto di Rayena mentre fa un pisolino con il suo bambino.

IL POST “Questa è mia moglie mentre sta schiacciando un pisolino. Tra un’ora si sveglia, si mette il camice da infermiera e si prepara per il lavoro – scrive il marito Bobby. – Gli strumenti di cui ha bisogno per svolgere il suo lavoro saranno raccolti e controllati meticolosamente, i capelli e il trucco saranno fatti rapidamente…
Si siederà sul divano con le gambe incrociate a cercare di bere la sua tazza di caffè mentre allegramente giocherà con il bambino. Lei pensa che di tutto questo io non me ne accorga.
Bacerà il bambino e me e andrà a prendersi cura di persone che stanno vivendo uno dei momenti peggiori della loro vita. Vittime di incidenti stradali, persone raggiunte da colpi di pistola, vittime di esplosioni, ustioni e rotture; professionisti, poveri, pastori, tossicodipendenti e prostitute; madri, padri, figli, figlie: non importa chi siate e cosa vi sia successo, lei si prenderà cura di voi.
Poi tornerà a casa 14 ore dopo e togliendo le scarpe che hanno camminato tra sangue, bile, lacrime e fuoco, lascerà i piedi doloranti scalzi.
A volte lei non vuole parlarne. A volte non vede l’ora di parlarne. A volte ride, a volte piange. Mia moglie è infermiera. Mia moglie è un’eroina, sono orgoglioso di lei…”

16 novembre 2015

IlMattino

ER