Primarie Pd, Bassolino: «Mi candido» per mettermi al servizio della città»

Immagine

Gli sono bastate due parole: “Mi candido”. Così Bassolino ha annunciato la sua nuova discesa in campo per la riconquista di Palazzo San Giacomo a 22 anni dalla sua prima vittoria. L’ha fatto, come era nell’aria da tempo, direttamente su Facebook e Twitter, sul suo profilo. E il suo post ha subito raccolto centinaia di “mi piace”, ma anche qualche contestazione da parte dei suoi oppositori.

Alle 16 ha argomentato meglio con un altro post: “Mi candido di nuovo a Sindaco di Napoli. Fare il Sindaco è stato l’impegno più grande della mia vita e sento il dovere di mettermi al servizio della città. Napoli prima di tutto, di ogni interesse particolare. La crisi della città è infatti molto grave. È una crisi politica e civile, oltre che economica e sociale. Politica e civile deve dunque essere la risposta chiamando a raccolta le forze migliori e valorizzando le energie giovani. Unire Napoli contro le troppe divisioni è la strada maestra per il futuro”.

Ieri sera, la Direzione del Pd aveva fissato per il 7 febbraio la data delle Primarie. E a Bassolino sono bastate poche ore per sciogliere la riserva. Giusto una notte per dormirci sopra. “Mi candido” scrive, quindi l’ex-sindaco.

E se ne deduce che la sua scelta è a prescindere dalla regole delle Primarie che saranno definite entro dieci giorni. Quindi, non è esclusa, se nel suo partito facessero ostruzionismo, la presentazione di una lista civica. Nel primo pomeriggio, Bassolino, con un nuovo post più articolato, motiverà la sua decisione.

 

Fonte IL MATTINO

NAPOLI, 21 novembre 2015