Lasciarsi su Facebook sarà meno doloroso

In arrivo un’opzione per nascondere i post degli ex e privatizzare i propri aggiornamenti: l’era delle paranoie sentimentali sui social sta per finire?

Chi c’è passato lo sa bene: quando una relazione finisce, Facebook diventa un campo minato. I post e le foto degli ex che si rifanno una vita o che si struggono dal dolore rendono le separazioni ancora più complicate. E lo stalking virtuale del profilo della nostra vecchia fiamma non è certo un toccasana. Le cose, però, potrebbero cambiare molto presto grazie a una funzionalità messa a punto da Facebook.

 

L’opzione, annunciata in un post sul blog ufficiale è già disponibile per chi usa la app negli Stati Uniti, e potrebbe essere estesa ad altri Paesi nei prossimi mesi. Tutto inizia quando si aggiorna lo status sentimentale. Se si passa da “impegnati”, “fidanzati ufficialmente” o “sposati” a “single”, Facebook attiva un pannello che permette di modificare le impostazioni della privacy e di creare dei filtri per bonificare la home dai post degli ex. «Prenditi una pausa – si legge – ecco qualche cambiamento che potrebbe essere utile». Bastano pochi clic per continuare a usare Facebook senza timore di veder spuntare continuamente il nome di chi è appena uscito dalle nostre vite, senza più bisogno di eliminarlo dagli amici. Facebook ha pensato proprio a tutto: se lo desideriamo, il nome dei nostri ex non sarà più suggerito neanche nella colonna della chat e tra i tag delle fotografie.

 

Sarà anche possibile nascondere i nostri nuovi aggiornamenti per tutelarsi dal rischio di essere oggetto di attenzioni sgradite da parte dei vecchi partner. Volendo, ci si può anche staggare in blocco da tutti i post e le foto di coppia, oppure farne una selezione personalizzata. Un’altra opzione è privatizzarli, in modo che siano visibili solo alle persone taggate. Con queste novità Facebook ha imboccato la stessa strada di Google Foto: dare agli utenti uno strumento facile per controllare cosa – o chi – nascondere. A ottobre il social aveva già introdotto la possibilità di escludere alcune persone o alcuni periodi della nostra vita dalla funzione Accadde Oggi, ora ha fatto un passo in più. Ma perché tanta attenzione per le nostre emozioni? Semplice: se il social diventa un luogo ostile gli utenti lo evitano. E questo, Facebook, vuole evitarlo a tutti i costi.

22 novembre 2015

LaStampa

ER