I media: domenica è stata sventata un’ondata di attentati. Caccia a 10 kamikaze armati

ATTENTATO PARIGI
I raid lanciati da polizia ed esercito tra la notte di domenica e le prime luci di lunedì in Belgio, con 29 perquisizioni tra Bruxelles, Charleroi e Liegi, hanno permesso di sventare una serie di attentati multipli nella capitale. Lo scrivono i quotidiani L’Echo e De Tijd citando «fonti ben informate», ripresi da praticamente tutti i media belgi.

Secondo le «molteplici fonti» anonime vicine all’inchiesta citate dai due quotidiani, anche se un solo sospetto è stato incriminato la rete terroristica è stata «destabilizzata» ed ora gli inquirenti puntano ad identificarne il «nocciolo duro». La tesi è che la maxi retata ha smantellato la rete di simpatizzanti e fiancheggiatori, impedendo che a una settimana dagli attacchi di Parigi anche Bruxelles fosse «messa a ferro e fuoco» come temevano gli inquirenti.

«Il simbolismo è cruciale per questo tipo di organizzazioni terroristiche: quando i loro progetti vengono sventati da azioni come quelle dei giorni scorsi, spesso queste reti decidono di rinviare e preparare nuovi piani d’azione» osserva L’Echo. Il quotidiano indica che gli inquirenti sono riusciti ad ottenere «informazioni cruciali» grazie a «metodi di ricerca particolare» come le intercettazioni telefoniche.

Gli inquirenti in Belgio stanno cercando «dieci individui» che potrebbero compiere attacchi simili a quelli del 13 novembre a Parigi «con armi pesanti» e con «attentati suicidi», indica il ministro degli esteri e vicepremier belga, Didier Reynders, in una intervista a ABC News. Per ‘armi pesanti’ il ministro intende «fucili Kalashnikov o forse anche più di questo». Quanto agli obiettivi ha indicato che «la minaccia più importante riguarda i grandi magazzini ed i centri commerciali».

25 novembre 2015

fonte IlMattino

AP