Ecco l’app anti-terrorismo per segnalare i sospetti con foto e messaggi

La app lanciata dallo Stato di New York (wgno.com)

Il cittadino si ribella. Non è il titolo di un “poliziottesco” anni Settanta ma l’ipotetico slogan di un’iniziativa reale messa in campo dallo Stato di New York: l’America e le sue metropoli sono costrette ancora una volta fare i conti con l’incubo del terrorismo e, così, per vincere una sfida che si annuncia difficile, dalla “Grande Mela” è partito il via libera a una soluzione dal nome molto intuitivo – “See something, send something” – e dal taglio decisamente popolare. Una soluzione a portata di smartphone, per essere più precisi: una app che permetterà a tutti i possessori di iPhone e di cellulari con sistema Android – e sono tanti – di inviare alle autorità foto o messaggi relativi a persone o cose sospette.

“Queste misure sono necessarie nella nostra lotta”, ha affermato il governatore Andrew Cuomo. “Abbiamo intensificato la nostra preparazione in seguito agli attentati di Parigi e continueremo a rimanere vigili contro coloro che cercano di diffondere paura e violenza”.

Scaricabile gratuitamente e aggiuntiva (ma non alternativa) al servizio fornito dal 911, il numero telefonico di emergenza attivo in tutti gli Stati Uniti, l’applicazione è dotata anche di una guida che servirà ai fruitori per districarsi al meglio nel suo utilizzo. Soprattutto in merito all’oggetto della segnalazione e ai tempi in cui farla partire.

Tutti in newyorchesi – ha spiegato John Melville, commissario della locale “Division of Homeland Security and Emergency Services” – contribuiranno a mantenere sicuro il nostro Stato. E’ un modo in più per allertare le autorità riguardo a possibili minacce”.

26 novembre 2015

IlGazzettino

ER