+++LA TRUFFA DELLA BOLLETTA DEL TELEFONO – LA POLIZIA LANCIA L’ALLARME: “TRUFFA PER 900 EURO, ECCO COSA NON DOVETE FARE”+++

Ennesimatentata ‪‎truffa ai danni di ‪‎TELECOM‬. Anche il sindaco di Conegliano ha rischiato di rimanere vittima dei pirati informatici, che sulla sua mail hanno inviato una finta mega-bolletta della Telecom. Il sindaco Floriano Zambon ha presentato denuncia alla polizia postale. Martedì mattina sulla sua casella personale di posta elettronica è arrivata una fattura truffa. Gli comunicava un conto da pagare di 967 euro. La mail è apparsa subito fasulla e non inviata da Telecom. Riportava come data il “31/11/2015”, oltre ad un codice fiscale inesistente. I pirati informatici attraverso l’apertura del link “riepilogo importi fattura” hanno cercato di carpire dati sensibili o inserire un virus nel computer, per poi chiedere un riscatto per finti anti-virus. La mail risulta inviata da un provider giapponese, la casella è “m01105@c-seal.co.jp”, ma anche quella è quasi sicuramente falsa. Tecnicamente il raggiro viene definito phishing,
più semplicemente una truffa informatica, per reperire dati come codici di conti bancari. Ma aprendo gli allegati il pericolo è che il computer venga infettato e bloccato da un virus. Il trucco consiste nel fingere maxi-cifre da pagare e così l’utente, arrabbiato, apre il link.

 

fonte unavitadasocial