Ecco i RIMEDI NATURALI per la SCIATICA, che provoca dolori insopportabili. DEVI FARE COSI’ E MIGLIORI SUBITO

La sciatica, ossia l’infiammazione del nervo sciatico, può provocare dolori insopportabili. L’artiglio del diavolo è il rimedio naturale per eccellenza. Consigliati i massaggi decontratturanti effettuati da un fisioterapista esperto, stando attenti alle posture errate

sciatica

Sciatica è il termine con cui comunemente si indica l’infiammazione del nervo sciatico, il cui sintomo principale è il dolore, acuto e intervallato o sordo ma continuo. Tra i sintomi meno comuni: formicolio alle gambe o sensazione di essere trafitti da spilli, perdita della forza muscolare dell’arto e intorpidimento, incontinenza negli anziani. Tanti i rimedi naturali efficaci per contrastare la sciatica. Uno di questi, consiste nello scaldare un chilo di sale grosso in padella (deve essere caldo ma non bollente), versandolo su un asciugamano da richiudere come se fosse un sacchetto.

Sdraiatevi a pancia in giù, ponendo l’asciugamano sulla parte dolente il più a lungo possibile. In alternativa, potete preparare una tisana con corteccia di salice, ottenuta bollendo in mezzo litro d’acqua un pezzo di corteggia di salice per 15 minuti, che va colata e bevuta ogni 8 ore; o potete mescolare una manciata di fiori di camomilla secchi con dello zenzero grattugiato, impastando il tutto nell’olio di sesamo. L’unguento ottenuto va applicato sulla zona dolorante, effettuando leggeri massaggi per poi coprire la parte con un panno di lana. Il rimedio naturale per eccellenza è l’artiglio del diavolo, la cui radice ha un’azione antinfiammatoria, svolgendo un’attività analgesica. Efficace anche l’estratto di bacche di ribes. Entrambi i rimedi sono un vero toccasana per lenire il dolore.

Un rimedio in grado di lenire il dolore è l’aglio, da utilizzare in forma puramente alimentare o attraverso integratori. Consigliati i massaggi decontratturanti effettuati da un fisioterapista esperto per ridurre le tensioni muscolari e tante sono le tecniche fisioterapiche che possono alleviare i sintomi: laserterapia, tecarterapia, ionoforesi e ultrasuoni. Per prevenire la sciatica è d’obbligo adottare alcuni semplici accorgimenti: nel sollevare i pesi, piegate le gambe, tenendole leggermente divaricate e lasciando il busto il più possibile dritto. Afferrate il peso (es. un pacco, una confezione di bottiglie ecc.) sollevandovi senza far forza sulla schiena ma semplicemente raddrizzando le gambe.

Se restate fermi in piedi per più di 30 minuti, poggiate un piede su un rialzo (es. un gradino) in modo che il corpo si pieghi in avanti, seguendo la naturale curvatura della schiena. Se restate a lungo seduti, invece, appoggiate bene il dorso allo schienale, col collo allineato alla colonna vertebrale. Nel leggere, tenete il libro all’altezza del torace, evitando di incurvarvi in avanti. Tra gli esercizi da poter facilmente effettuare in casa: l’allungamento del muscolo piriforme. Basta sdraiarsi sulla schiena con i piedi appoggiati sul pavimento e le ginocchia piegate, appoggiando la caviglia destra sul ginocchio sinistro e spingendo la coscia sinistra verso il petto, mantenendo la posizione per circa 30 secondi prima di ripetere l’esercizio con l’altro lato.

Potete anche effettuare l’allungamento da seduti: stando seduti, incrociate la gamba destra sulla sinistra, abbracciando il ginocchio destro col braccio sinistro e mantenendo la schiena dritta. La posizione va tenuta per 30 secondi per poi ripetere l’esercizio con l’altro lato. Utile pure l’autoterapia dei trigger point: cercate di individuare il punto esatto in cui avvertite dolore, posizionandovi sopra una pallina da tennis e rilassando il corpo sulla pallina stessa. Mantenete la posizione per 30 secondi fino a quando sentite una significativa riduzione del dolore, ripetendo questo esercizio per 10 minuti. Per il trattamento della sciatica il medico può ritenere necessaria la somministrazione di fans, cortisonici orali e analgesici. Se il problema alla base di essa è l’ernia discale, potrebbe essere necessario il ricorso alla chirurgia.

CONTINUA A LEGGERE SU SOSTENITORI.INFO

 

5 gennaio 2016

fonte meteoweb