Unioni civili: Alfano a Cattodem e M5s: ‘Facciamo saltare la stepchild’

alfano

Alla vigilia della battaglia in Aula sulle Unioni Civili è ‘assalto’ alla stepchild adoption. L’agomento, sottolinea il ministro della Salute Beatrice Lorenzin dalle colonne del Corriere della sera va affrontato in un’altra legge. Mentre ieri il leader di Ncd e ministro dell’Interno Angelino Alfano aveva invitato Cattodem del Pd ed M5s a far saltare la norma.

Lorenzin, sui bimbi serve un’altra legge – “La mia idea è di affrontare con serenità il problema dell’utero in affitto in un testo a parte che riveda la legge sulle adozioni per tutti, parlo di coppie etero e omosessuali. C’è da mettere le mani sulla legge delle adozioni e cominciare a capire, per esempio, perché le liste di attesa per adottare i bambini sono così lunghe”. Lo afferma il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che in un’intervista al Corriere della Sera ribadisce la propria volontà di stralciare la stepchild adoption dalla legge sulle unioni civili.

“Spero – ha detto Alfano a ‘In mezz’ora’ – che i Cattodem abbiano coraggio per votare no alla stepchild adoption e che numerosi grillini votino no in modo tale che la stepchild salti. Poi, se fossi il leader del Pd io la stralcerei”.

L’ala cattolica si scaglia inoltre contro il ‘canguro’ a prima firma di Andrea Marcucci e chiede lo spacchettamento dell’emendamento sulle adozioni in due parti, una sui diritti e una sulla stepchild. La partita, insomma, è apertissima laddove una terza via tra lo stralcio e l’approvazione tout court della stepchild resta difficilissima.

I numeri (di Giovanni Innamorati) – I numeri già solitamente ‘stretti’ del Senato, renderanno incerte le votazioni sugli emendamenti al ddl Cirinna’ sulle unioni civili e, soprattutto, sul punto della stepchild adoption. Con il canguro Marcucci che incombe, e la probabile ipotesi di un suo spacchettamento, è il voto sulla seconda parte dell’emendamento a vedere i numeri quanto mai in bilico. Numeri che, nel caso la votazione si faccia a scrutinio segreto, potrebbero ulteriormente cambiare lasciando apertissima la partita tra l’approvazione e la bocciatura della stepchild. Il Pd ha 112 senatori, che si riducono però a 111 visto che il presidente Pietro Grasso non vota. Di questi ci sono circa 25 cattoDem, contrari alla stepchild adoption, a cui si aggiungono altri parlamentari di area laica per un totale di 30. Tra i 35 senatori di M5S 29/30 dovrebbero essere favorevoli all’articolo 5 sulle adozioni, come ribadito anche oggi da Gianluca Castaldi, che parla di un “90%” del Movimento favorevole all’art.5.