All’Ikea i clienti spiati da dipendenti in abiti borghesi

ikeaState placidamente gironzolando tra mobili, letti, cucine, stoviglie e arredi vari in un megastore Ikea. Vi si avvicina una persona, sembra un altro cliente come voi e scambia qualche commento su quel che state guardando. Poi si allontana come niente fosse. Quello, però, potrebbe non essere un altro cliente come voi. Ma un dipendente dell’Ikea vestito in abiti “borghesi” che sta facendo “monitoraggio”. A svelare la pratica è un documentario della televisione tedesca, che mostra come nei magazzini della nota casa d’arredi svedese ci siano dipendenti che girano tra i reparti e “spiano” i clienti prendendo appunti su quel che la gente guarda, tocca, mette nel carrello, scegli e poi lascia giù. O sui commenti che i clienti fanno sui vari articoli. Di solito, sostiene il documentario, a sobbarcarsi l’onere sono i neoassunti, che poi riferiscono ai superiori i risultati del loro spionaggio.

Fonte: LiberoQuotidiano
5 Marzo 2016