MASSIMO ALLARME PER I NOSTRI CONTI CORRENTI! Equitalia può prelevare forzosamente direttamente da lì! E’ TERRIBILE, ECCO COME POTERLO EVITARE!

bancomat

Equitalia può effettuare il pignoramento del conto corrente del debitore non prima che siano passati sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento. Di fatto, però, ne passano molti di più poiché non sempre l’Agente per la riscossione si attiva immediatamente, anche al fine di dare il tempo al contribuente per corrispondere il dovuto, sebbene in ritardo.

Due sono le procedure che può utilizzare Equitalia per “bloccare” il conto corrente e prelevare le somme forzatamente: quella ordinaria prevista dal codice di procedura civile oppure la procedura speciale esattoriale. La differenza è che nella prima, dopo la notifica dell’atto di pignoramento al debitore e al terzo pignorato (la banca o la Posta), il creditore si deve presentare davanti al giudice che autorizza l’assegnazione delle somme pignorate (si tratta del consueto pignoramento presso terzi previsto per tutti i crediti privati). Invece, nella seconda procedura, questa fase davanti al tribunale delle esecuzioni non c’è e tutto avviene tramite un ordine impartito da Equitalia alla banca o alla Posta, ordine che quest’ultima deve necessariamente rispettare. In particolare, con il pignoramento viene dato al contribuente un termine di 60 giorni per adempiere; in difetto le somme presenti sul conto corrente verranno automaticamente trasferite ad Equitalia.

Per rispondere, dunque, al quesito, Equitalia può sicuramente “prelevare direttamente” le somme dal conto corrente, ma nel rispetto di alcune regole che vedremo qui di seguito.

La procedura speciale del pignoramento del conto corrente
Nella procedura esattoriale, con l’atto di pignoramento di crediti presso terzi, come detto Equitalia ordina al terzo ritenuto debitore del debitore (ossia la banca o Poste Italiane) di pagare direttamente a Equitalita:

– entro il termine di 60 giorni dalla notifica dell’atto, le somme per le quali il diritto alla percezione da pare del debitore sia maturato anteriormente alla data di notifica dell’atto. In caso di omesso pagamento nel termine, non è prevista alcuna sanzione nei confronti del terzo ed Equitalia potrà attivare la procedura ordinaria di pignoramento

– alle rispettive scadenze, le restanti somme; il tutto fino a concorrenza del credito per il quale Equitalia procede, degli interessi di mora e dei compensi di riscossione maturati sino al giorno del pagamento e riportati nell’atto stesso

Nell’atto di pignoramento, inoltre, Equitalia intima alla banca o alle Poste di non disporre dei crediti nella titolarità del debitore e quindi, ad esempio, di non pagare il debito e lo avverte che deve custodire le somme da lui dovute e nei limiti dell’importo del credito intimato aumentato della metà.