ROVINA I DENTI E IL FEGATO: LA BEVANDA DA EVITARE

Calcoli renali: bere uno o più bevande gassate al giorno aumenta del 23% la possibilità che si formino calcoli renali, è quanto rivela uno studio del nefrologo Pietro Manuel Ferraro dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Ridurle è quindi importante soprattutto in chi soffre di problemi di calcoli renali ma è importante anche per la prevenzione.
I coloranti contenuti nella bibite gassate possono essere cancerogeni: il colorante che dà alle bibite gassate quel caratteristico colore (parliamo soprattutto di bevande tipo cola) contiene due agenti contaminanti: 2-metilimidazolo e 4-metilimidazolo, che provocano il cancro negli animali. Questi coloranti, che servono solo a dar colore a queste bibite, solo potenzialmente dannose perché cancerogene.

Danneggiano i denti: l’acido fosforico, oltre ad essere dannoso per le ossa, lo è anche per i denti: può provocare carie, disturbi gengivali fino alla caduta dei denti.
Favoriscono la gastrite: soprattutto in chi già ne soffre, il consumo di bibite gassate, soprattutto quelle che contengono caffeina, possono acutizzare il problema. È bene quindi eliminarle se si soffre di questo disturbo perché fanno aumentare la produzione di acido gastrico che aumenta il disturbo.
Può provocare obesità e dipendenza nei bambini: come abbiamo già detto, una lattina di cola contiene circa 39 grammi di zucchero che sono tantissimi e dannosi per la salute, ancora di più se parliamo di bambini. Il consumo di zuccheri è una delle prime cause di obesità tra i bambini. Inoltre, le bibite gassate, possono provocare dipendenza, aumentando la voglia di ingerire altri zuccheri, creando così un circolo vizioso. Inoltre non dimentichiamo che contengono caffeina, un potente eccitante, soprattutto per i bambini, che potrebbe aumentarne l’aggressività.