Sfigurata dopo l’incidente e vittima dei bulli, anni dopo si prende la sua rivincita

Usage fee £75 per picture for online use and £150 per picture for print. Must credit Daily Record or fee will be doubled. Shy teenager Chloe Thomson speaks out about the horror crash that left her with horrific facial injuries and having to have her full face completely reconstructed when she was only 11. She has suffered at the hands of bullies and has eventually found the confidence to talk about it.
Usage fee £75 per picture for online use and £150 per picture for print. Must credit Daily Record or fee will be doubled. Shy teenager Chloe Thomson speaks out about the horror crash that left her with horrific facial injuries and having to have her full face completely reconstructed when she was only 11. She has suffered at the hands of bullies and has eventually found the confidence to talk about it.

Quando aveva appena 11 anni fu vittima di un tremendo incidente stradale: l’auto su cui viaggiava insieme alla sorella maggiore e alla cugina finì fuori strada e si schiantò contro un albero. Quel giorno avvenne il primo miracolo nella vita di Chloe Thomson, che sopravvisse dopo essere stata ricoverata d’urgenza e dopo che i medici comunicarono alla madre di prepararsi al peggio.

La ragazza, otto anni fa, subì traumi e fratture in tutto il corpo, volto compreso. I medici, per curare ogni lesione, dovettero rimuovere la pelle del viso e ricostruirlo interamente. Seguì un lunghissimo periodo di riabilitazione, durante il quale Chloe riuscì a tornare a parlare con la famiglia ma senza tuttavia ritrovare il sorriso.
I segni dell’incidente e dell’intervento chirurgico, infatti, rimasero sul volto e sul corpo di Chloe per anni. E certe cose, nell’adolescenza, possono significare una condanna: la ragazza fu addirittura vittima di bulli senza cuore, e per un lungo periodo di tempo rifiutò perfino di uscire di casa.

Oggi Chloe ha 19 anni, sta bene, è una ragazza bellissima e di quell’incidente è rimasto solo il lontano ricordo. Lo riporta Metro.co.uk. E ora non ha problemi a raccontare il suo passato: «Quando l’ho reso pubblico, non sono riuscita a non piangere. Ma ora non mi fa più male, mi sento liberata di un peso enorme».