Caso Vaninni: “Non nominate mai più…”

vannini

Arriva anche il commento di Marina, la mamma di Marco Vannini, alla lettera pubblicata questa mattina dei legali dei Ciontoli e di Viola Giorgini. Parole durissime che si aggiungono a quelle già espresse in giornata dal cugino di Marco, Alessandro Carlini (leggi articolo).

Di seguito la dichiarazione di Marina.

“Sto assistendo in questi giorni alle pietose dichiarazioni degli avvocati dei Ciontoli e di Giorgini nelle quali affermano che si stanno prodigando affinché la verità sulla morte di mio figlio venga accertata. Mi chiedo, come fanno a sostenere, con una difesa disperata, che il mio Marco non sia stato ucciso dal comportamento di una “famiglia” di presunti assassini.

Non bastano le schiaccianti prove a loro carico a far capire quanto sia stato crudele il loro comportamento?

Capisco che il vostro lavoro vi imponga dei doveri che a volte vanno ben oltre la decenza e la dignità. Come potete dormire tranquilli sapendo che un ragazzo di 20 anni, a cui è stata tolta la vita, chiede giustizia.

Ma una cosa me la dovete, nel rispetto del mio dolore, non nominate mai più il nome di mio figlio e poi potete anche continuare, magari tappandovi il naso, il vostro “lavoro”. Se avete un briciolo di umanità e di dignità sona sicura, che nel profondo della vostra coscienza vi augurerete di aver torto e che i colpevoli paghino per le loro colpe. Allora forse potrete dormire con la coscienza apposto.”

Fonte: terzobinario