Bimbo travolto: l’uomo al volante non si ferma. Il video choc

bimboinvestitocina

Si è rialzato con un balzo, come se nulla fosse accaduto, come se non avesse sentito il peso di quelle ruote sul suo corpicino: un bimbo di 4 anni è stato investito da un minivan nella città di Nanjing, nella provincia del Jiangsu, in Cina. Come si vede nelle immagini girate da una telecamere di sorveglianza, mercoledì il piccolo stava camminando nell’atrio di un complesso residenziale quando è stato sorpreso alle spalle e atterrato da un minivan che ha continuato la sua corsa. Dopo essere stato travolto il piccolo si è rialzato e ha iniziato a camminare.

Il padre è subito corso fuori casa ed è riuscito a bloccare il conducente che, con assoluta indifferenza, non si era fermato a soccorrere il bambino che ha riportato ferite lievi e, dopo tre giorni di ricovero in ospedale, è stato dimesso.
La polizia sta investigando sul caso: l’automobilista ha raccontato di non essersi accorto di aver travolto il bimbo e di aver pensato di essere passato sopra un tombino.

La storia del piccolo travolto non può non far pensare alla tragica vicenda della piccola Yueyue, investita per ben due volte nell’indifferenza generale nel 2011: la piccola si trovava nei pressi di un mercato a Fochan, nel Guangdong, in Cina, quando fu travolta da un suv bianco. Scaraventata sulla strada non venne soccorsa e fu nuovamente investita da un’altra auto: trascorsero sei minuti durante i quali ben 18 passanti la ignoraronoprima che una donna, vedendola sul selciato priva di sensi, la soccorresse e la portasse in ospedale. Troppo tardi: dopo una settimana la piccola morì in terapia intensiva per le gravi ferite alla testa riportate nell’incidente.

 

Messaggero
19 Marzo 2016