LA STORIA DEL GIOVANE: FERITO A BRUXELLES, ERA SOPRAVVISSUTO A PARIGI E BOSTON

All’indomani dei drammatici attentati alla stazione della metropolitana di Maelbeek e all’aeroporto Zaventem è caccia agli autori dell’attacco. E secondo la Farnesina potrebbe esserci una “donna italiana tra le vittime”

mason

 

Mason Wells ha 19 anni, è un missionario mormone, ed è un ragazzo molto fortunato. Ieri, infatti, era all’aeroporto di Bruxelles sconvolto dalle esplosioni che hanno investito anche lui. Fortunatamente se l’è cavata con una lesione alla gamba, le schegge lo hanno colpito anche al capo, ma non è grave e se la caverà. A quanto emerge dai media americani, Mason era molto vicino anche quando esplosero gli ordigni alla maratona di Boston ed era a Parigi, nel novembre scorso quando ci furono gli attacchi che provocarono 130 morti. Mason quindi è abituato a trovarsi molto vicino agli attentati: a Boston era a un isolato dall’arrivo della maratona, aspettava la mamma che l’aveva corsa. Rimasero illesi, ma sotto choc.
“Ieri era a terra sanguinante – ha raccontato un volontario mormone che era con lui – ma non ha perso il senso dell’umorismo e la positività”. “Speriamo che la sua dose di sfortuna – ha detto la mamma – sia finita qui”.

Roma, 23 marzo 2016

fonte fanpage