“I nostri morti come…”. Lo sfregio della Mannoia alle vittime delle bombe islamiche. Cosa ha detto

mannoia

Proprio come avvenne dopo le stragi di Parigi, Fiorella Mannoia punta il dito. Contro l’Occidente. “Devo constatare che siamo in guerra, loro ammazzano noi e noi ammazziamo loro, questo è davanti agli occhi di tutti. Questa è una nuova guerra, noi li ammazziamo in modi diversi e loro hanno il loro modo di ucciderci. I nostri morti per i loro”. Così la cantante in un’intervista a Un giorno da pecora, il programma di Radio2. Parole, quelle della Mannoia, destinate a far discutere.

“Non c’è giustificazione quando si ammazzano degli innocenti, ma siamo in guerra, questa è una guerra”, continua. E ancora: “In Siria ci sono migliaia di cittadini morti uccisi da bombardamenti, perché loro non sono esseri umani innocenti come noi? Bisogna avere la stessa pietà per i nostri morti come per i loro. La comunicazione non li mette sullo stesso piano: quando accadono cose in Occidente ci spaventiamo, ma anche quelle sono famiglie”, conclude, mettendo di fatto sullo stesso piano le vittime di guerre (discusse e discutibili) con le vittime del terrorismo.

LiberoQuotidiano
23 Marzo 2016

One thought on ““I nostri morti come…”. Lo sfregio della Mannoia alle vittime delle bombe islamiche. Cosa ha detto

  1. Hai bisogno di popolarità criticando le vittime dei terroristi. Ma Canta che forse è meglio!

Comments are closed.