Torna a casa e fa una scoperta terrificante

googlemapstexas

Un’assurda storia che arriva dal Texas e che ha visto abbattuta un’abitazione per una leggerezza imperdonabile

Davvero una storia inverosimile seppure vera: una abitazione è stata infatti demolita per errore, confusa con un’altra casa a un tiro di schioppo per via di un indirizzo sbagliato su Google Maps. Già, la società adibita a “tirare giù” la villetta aveva controllato sul celebre servizio di mappatura di Mountain View, anche per dare un’occhiata alla struttura dall’alto grazie alla posizione privilegiata dell’occhio del satellite, e si era fidato a occhi chiusi. Così si è recata sul posto, nella cittadina di Rowlett nel Texas, e ha proceduto a radere al suolo la palazzina. Peccato che fosse un’altra. E i guai sono iniziati sia per la società sia, naturalmente, per i proprietari sfortunati.

Google Maps non è perfetto e lo si scopre molte volte utilizzando il navigatore incluso: sarà pur gratuito e sempre ben aggiornato, ma ogni tanto porta in posti completamente sbagliati oppure non così precisi. Motivo per il quale sarebbe meglio controllare dieci o cento volte prima di dover demolire una casa. Invece, Lindsey Diaz è tornata al proprio indirizzo e ha trovato solo macerie, quasi come se fosse transitato Godzilla a schiacciare tutto per bene. Cosa diavolo era successo? Semplice, una società di demolizioni aveva pensato bene di dare una rapida occhiata su Google Maps e di abbattere tutto senza troppi pensieri.