+++CLAMOROSO! ECCO I PRIMI CENTO ITALIANI COINVOLTI NELLO SCANDALO. TANTISSIMI NOMI ILLUSTRI, ECCO DI CHI SI TRATTA+++

L’Espresso ha pubblicato il primo elenco di 100 nomi degli 800 connazionali che hanno aperto un conto offshore

panamapap

 

11,5 milioni di documenti, migliaia di conti nei paradisi fiscali, migliaia di persone coinvolte tra vip, politici e sportivi. Sono i numeri da capogiro che da domenica hanno scosso la leadership mondiale, portando persino un premier – quello dell’Islanda – a dimettersi. Sono i cosiddetti Panama Papers, migliaia di documenti – trafugati o passati da una talpa – finiti nelle mani dell’Icji, il consorzio di giornalismo investigativo di cui fa parte anche L’Espresso.

Ed è proprio il settimanale italiano che oggi pubblica il primo elenco che riguarda i nostri connazionali. Si tratta di 100 dei circa 800 italiani coinvolti. Per lo più imprenditori, manger o uomini d’affari, ma nella lista spunta pure qualche vip, come Luca Cordero di Montezemolo, il cui nome era trapelato fin dall’inizio, ma anche l’attore Carlo Verdone e lo stilista Valentino.

Tutti si difendono da accuse che – tra l’altro – non sono state ancora formulate, dal momento che aprire conti all’estero non costituisce di per sé reato. “Non possiedo alcuna società off shore, né alcun conto estero e, soprattutto, non ho commesso alcun illecito”, ha detto Montezemolo al cda di Unicredit, sostenendo che degli affari gli erano sì stati proposti, ma non erano mai andati in porto. Come il presidente di Alitalia, negano anche Carlo Verdone e Barbara d’Urso, tirata in mezzo per “un’operazione immobiliare mai concretizzata”, come spiegano i suoi avvocati.

Intanto il governo promette accertamenti, soprattutto nei confronti di chi “non abbia mai fatto il monitoraggio fiscale nè la voluntary disclosure”, sottolinea il viceministro Enrico Zanetti. Di certo questo elenco è un buon punto di partenza per chi dovrà controllare.

Ambrosione Francesco, Cuneo, imprenditore

Angiolini Marco Angelo, Varese, immobiliarista

Anti Michele, Roma, procuratore finaziario