L’IRA DELL’EGITTO CONTRO GENTILONI

187ff14af4fb5841a74bc6fb6e81c732L’Egitto esprime a Gentiloni «irritazione per l’orientamento politico che l’Italia sta assumendo trattando il dossier». Ma evita lo strappo e non richiama l’ambasciatore a Roma in risposta al richiamo del nostro dal Cairo. L’Italia però insiste nel chiedere una collaborazione reale e la verità vera sul caso Regeni. Questo il senso della telefonata ieri del ministro degli Esteri egiziano, Sameh Shoukry, all’omologo Paolo Gentiloni che si trova in Giappone per il G7 dei ministri degli Esteri. Una coincidenza, quella del G7, che consente a Gentiloni di discutere la crisi con l’Egitto sia con l’Alta rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Unione europea, Federica Mogherini, sia soprattutto col segretario di Stato Usa, John Kerry. La linea italiana è rafforzata da telefonate del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, di incoraggiamento al premier Renzi e a Gentiloni. Intanto, il governo egiziano oscilla tra la preoccupazione e la sottovalutazione.

Se Shoukry ribadisce la volontà egiziana di non lasciare intentata alcuna pista e raggiungere la verità fornendo la massima collaborazione possibile, Gentiloni conferma di aspettarsi risposte positive, rapide, e concrete. La collaborazione ancora non si estende, per ammissione del procuratore generale aggiunto del Cairo Mostafa Soliman rientrato nella notte da Roma, ai tabulati telefonici di cittadini egiziani richiesti dagli inquirenti italiani. La sottovalutazione della determinazione italiana è evidente pure nell’intervista dell’ex viceministro degli Esteri, Hussein Haridy, all’emittente Tv Al Ghad: «Richiamare in patria un ambasciatore non vuol dire rompere le relazioni diplomatiche, né che i legami bilaterali stiano per deteriorarsi o essere congelati. L’Italia intende mantenere i suoi legami storici con l’Egitto. L’ambasciatore Massari tornerà al Cairo nel giro di pochi giorni».
Massari rientra oggi in Italia e il “recinto” delle possibili misure è stato definito ieri da Gentiloni che annuncia nuovi passi: «Ricordo sempre gli aggettivi che ho usato in Parlamento: misure immediate e proporzionali. Ci lavoreremo nei prossimi giorni». Il ministro ribadisce che l’omicidio Regeni «riguarda la dignità nazionale, non solo le sorti tragiche di un nostro concittadino, l’impegno preso in Parlamento andava mantenuto».