“Comunarie” pentastellate a Roma: il giudice riammette gli esclusi

Il Tribunale civile di Roma ha deciso sul ricorso di tre ex iscritti a M5S Roma esclusi dalle “Comunarie” on line per la scelta dei candidati a sindaco e a consigliere per le elezioni amministrative, poi espulsi.

Secondo quanto si apprende ai ricorrenti, rappresentati dall’avvocato Lorenzo Borrè, il giudice ha riconosciuto il diritto di essere riammessi alle votazioni, ma ha stabilito anche che le primarie non si dovranno ripetere. I ricorrenti chiedevano di annullare e ripetere la consultazione sul web che ha portato a designare Virginia Raggi per la corsa a sindaco; il ricorso metteva però in discussione l’intero non-statuto e il regolamento del Movimento 5 Stelle.

Tra i tre ricorrenti, il professor Antonio Caracciolo, escluso perchè accusato di presunte frasi negazioniste dell’Olocausto.

grillo

Fonte: Il Messaggero

12/4/2016