Non fate i gioco-test su Facebook, sono tutt’altro che innocui. L’allarme della Polizia – E’ RICHIESTA LA CONDIVISIONE

facebookpers

 

“Quale sarà il tuo lavoro fra 10 anni? Clicca qui per scoprirlo”.
L’amica di Facebook mi ha appena fatto sapere che lei fra 10 anni farà la venditrice di noccioline e guadagnerà 75.000 euro all’anno. E subito, sotto il suo post, mi propongono di interrogare anch’io la sorte.
Ovviamente è un gioco (pericoloso, e vedremo poi perché). O meglio: è un test-gioco. Uno di quelli che appaiono regolarmente sui social e promettono di svelarti “quale animale sei”, “quanto ne sai sull’amore”, “qual è il tuo colore” e “quale personaggio storico saresti”. Difficile resistere. In fondo, pensiamo, è un gioco. Una sciocchezza che farà divertire noi e i nostri amici ai quali – sempre via social – invieremo il risultato ottenuto.
Per la verità ne esistono anche di più “seri” (all’apparenza), attraverso i quali possiamo misurare la nostra conoscenza dell’italiano, di una lingua straniera o di un periodo storico.

Ogni volta che clicchiamo sui post che reclamano questi test, veniamo indirizzati in un sito che in pochi secondi ci fornisce un risultato. Nel mio caso, cliccando sul post dell’amica dedicata al lavoro futuro, ho scoperto che fra 10 anni faro il cantante country e guadagnerò 125.000 euro l’anno.

Ovviamente è una scemenza. Che però mi è costata molto cara. Così come costa cara a chiunque partecipi a questi giochi-test che dietro al loro aspetto ludico nascondono ben altro.