Iscriveva i propri candidati alle sedute di esami truccati.

POLI 4

 

Personale della Squadra Mobile della Questura di Isernia, unitamente a personale della Questura di Frosinone, ha eseguito “Ordinanza di applicazione degli arresti domiciliare” emessa dal Tribunale di Frosinone in data 06.04.2016, a carico di M. O. di Venafro, titolare di una scuola guida, incensurato.

La vicenda trae spunto da un’attività di indagine intrapresa dalla Squadra Mobile di Frosinone che ha visto 20 persone arrestate e 130 indagati, i quali si sono associati al fine di far conseguire illecitamente a numerosi candidati l’idoneità alla prova teorica per il conseguimento della patente di guida categoria B e/o la revisione della patente attraverso la predisposizione di condotte fraudolente quali la redazione di atti falsi e la pianificazione di sedute di esame “truccate”, ottenendo in cambio rilevanti profitti. Inoltre effettuavano accessi abusivi al sistema telematico della Motorizzazione al fine di procedere al rilascio di patente di guida mai conseguiti dai beneficiari o alla modifica della data di scadenza dei titoli di guida. In particolare il cittadino venafrano, titolare di un’autoscuola, partecipava stabilmente alle attività illecite del sodalizio criminale, iscrivendo i propri candidati/clienti alle sedute di esami “truccati”, alimentando così la cassa comune dell’associazione criminale attraverso l’erogazione di parte dei compensi versati dai propri candidati, da cui a sua volta ricavava utili.

Fatti accaduti in Frosinone.

 

Roma, 13 aprile 2016

fonte Polizia di Stato