Arriva la NOVITA’ “BONUS MAMMA” di 600 EURO al MESE: COME FARE PER RICHIEDERLO ed ENTRO QUANDO

bonusmamma euro

 

Dal primo di febbraio le mamme lavoratrici possono fare richiesta per accedere al contributo economico per sostenere i costi di asilo o baby sitter. Si tratta di 600 euro al mese per massimo sei mesi. Ne hanno diritto anche le lavoratrici part-time, ma in forma ridotta. Per le lavoratrici iscritte alla gestione separata dell’inps il contributo ha una durata massima di 3 mesi.

Per farne richiesta bisogna collegarsi al sito dell’Inps. Ricordiamo che questo contributo va richiesto in alternativa al congedo parentale e l’opportunità è riservata sia alle lavoratrici dipendenti che a coloro che esercitano una libera professione e sono iscritte alla gestione separata dell’Inps.

Il bonus vale sia per i servizi di baby-sitting che per sostenere le rette degli asili d’infanzia, sia pubblici che privati accreditati. L’elenco delle strutture aderenti alla sperimentazione è presente all’interno del sito dell’Inps e le lavoratrici che fossero interessate a fare richiesta devono prima iscrivere il proprio figlio o la propria figlia a uno di questi istituti.

È un aiuto per le mamme che non vogliono abbandonare il lavoro, specie per quelle che non possono contare sui nonni-babysitter.

Ecco tutte le informazioni di cui le mamme hanno bisogno per fare la richiesta all’Inps:

dati anagrafici del minore per il quale si intende effettuare la domanda (cognome, nome, codice fiscale, sesso, data di nascita, luogo, provincia e stato di nascita indirizzo, n° civico, CAP, comune, provincia e stato di residenza);
in caso di adozione/affidamento nazionale, dati anagrafici del minore per il quale si intende effettuare la domanda, inclusa la data di adozione e di ingresso in famiglia;