Occhio al cagnolino, boom di furti. Ecco quali e come li rapiscono (e ti ricattano)

Sono triplicati nel 2015 i furti di cani denunciati alle autorità. Quelli rapiti nelle case degli italiani nel corso del 2015 sono stati 4.930 contro i 1.700 dell’anno precedente, secondo i dati raccolti da Aidaa (Associazione italiana Difesa Animali e Ambiente) e incrociati con le denunce presentate.

In particolare, riferisce l’associazione, i cani di cui è stato denunciato il rapimento tra le mura domestiche sono in maggioranza
chihuahua, pinscher e yorkshire. Non mancano però le segnalazioni di rapimenti domestici di bouledogue francesi. In 200 casi si è trattato di casi in cui sarebbe stato chiesto un riscatto.

Tra le regioni maggiormente prese di mira dai ladri primeggia la Lombardia seguita da Lazio e, a sorpresa, da Molise e Umbria.
Pochissimi i cani ritrovati solo 24 sui 4.930 rapiti. Nella stragrande maggioranza i cani prelevati hanno tra i 3 e i 6 anni e nel 75% dei casi sono di sesso femminile.

Fonte: LiberoQuotidiano
24 Aprile 2016