Cena vegana per i senzatetto Scatta la protesta: “La carne?”

Ora i vegani stanno antipatici anche ai poveri. Tutta colpa di una cena alla mensa dell’Antoniano di Bologna, nota istituzione della Provincia Minoritica di Cristo Re dei Frati Minori dell’Emilia Romagna.

L’iniziativa, che interessava i clochard della citta rossa, ha coivolto il noto chef vegano Simone Salvini (imitato in tv da Maurizio Crozza). Da subito è partita: “E dov’è la carne? – si interroga un senzatetto – Io dormo in strada, ho bisogno di mangiare carne!”.

Altri invece hanno preferito andarsene e tornare in strada. Il direttore dell’Antoniano, Fra Caspoli non fa una piega: “Abbiamo ospiti così, molto diretti, pensano molto alle quantità, alla carne, sa com’è. Con Salvini e con Alce Nero comunque abbiamo avviato una bellissima collaborazione che proseguirà anche nei prossimi mercoledì, a partire da domani”.

Non è mancata la risposta del celebre chef Salvini: “È un progetto a cui lavoriamo da anni. E il veganesimo non c’entra niente”. E aggiunge: “Si tratta solo di fornire cibo sano per la mente e per lo spirito. Per farlo bisogna crederci, cucinarlo con amore. La maggior parte degli ospiti mercoledì sera ha apprezzato molto, con gli altri ci siamo fatti una risata. Del resto, sono cose che si devono offrire queste, non si possono imporre”.

Comunque il programma non ha ricevuto modifiche: per domani sera il menù è già pronto. Pasta di grano duro in salsa di pomodoro, aromatizzata alle erbe. E poi ceci in umido, verdure arrosto (melanzane, peperoni, pomodori), insalate e pan brioche fatto in casa, con farine semi

Roma, 26 aprile 2016

fonte IlGiornale