LA TESTIMONIANZA CHOC DEL PARTIGIANO CHE HA UCCISO MUSSOLINI

Settantuno anni fa, il 28 aprile 1945, Benito Mussolini e la sua amante Claretta Petacci furono giustiziati dal partigiano comunista Walter Audisio (nome di battaglia “colonnello Valerio”) a Giulino di Mezzegra, località in provincia di Como.

Il giorno prima Mussolini era stato arrestato a Dongo e la direzione del CLNAI aveva deciso senza indugio per la sua esecuzione immediata. Prelevato dai suoi giustizieri a Bonzanigo, l’ex duce, insieme alla Petacci, fu portato nel pomeriggio in auto in un un piccolo vialetto davanti a Villa Belmonte, un’elegante residenza di Giulino, dove fu fucilato. Questi gli ultimi minuti di vita di Mussolini secondo la testimonianza di Audisio:

“Sull’auto lo feci sedere a destra, la Petacci si mise a sinistra. Io presi posto sul parafango in faccia a lui. Non volevo perderlo di vista un solo istante. La macchina iniziò la discesa lentamente. Io solo conoscevo il luogo prescelto e non appena arrivammo presso il cancello ordinai l’alt. Dissi di aver udito dei rumori sospetti e mi mossi a guardare lungo la strada per accertarmi che nessuno venisse verso di noi”. “Quando mi volsi la faccia di Mussolini era cambiata: portava i segni della paura. (…)

Feci scendere Mussolini dalla macchina e gli dissi di portarsi tra il muro ed il pilastro del cancello. Obbedì docile come un canetto. Non credeva ancora di morire: non si rendeva conto della realtà. Gli uomini come lui temono sempre la realtà, preferiscono ignorarla (…). Improvvisamente cominciai a leggere il testo della sentenza di condanna a morte del criminale di guerra Mussolini Benito“. “Per ordine del Comando Generale del Corpo Volontario della Libertà sono incaricato di rendere giustizia al popolo italiano”.

“Credo che Mussolini non abbia nemmeno capito quelle parole: guardava con gli occhi sbarrati il mitra che puntavo su di lui. La Petacci gridò enfatica: “Mussolini non deve morire”. Dico alla Petacci che s’era appoggiata a Mussolini: “Togliti di lì se non vuoi morire anche tu”. La donna capisce subito il significato di quell’anche e si stacca dal condannato. Quanto a lui, non disse una sola parola: non il nome di un figlio, non quello della madre, della moglie, non un grido, nulla.

Tremava livido di terrore e balbettava con quelle grosse labbra in convulsione: “Ma…ma…ma…ma signor colonnello. Ma…ma…ma signor colonnello”. “Nemmeno a quella donna che gli saltellava vicino, che si muoveva di qua e di là, disse una sola parola. No: si raccomandava nel modo più vile, per quel suo grosso corpo tremante: solo a quello pensava: a quel grosso corpo appoggiato al muretto”. “(…) Faccio scattare il grilletto ma i colpi non partono. Il mitra si era inceppato. Manovro l’otturatore, ritento il tiro ma l’arma non spara. Passo il mitra a Guido (Aldo Lampredi, ndr.), impugno la pistola: anche la pistola si inceppa.

Passo a Guido la rivoltella, afferro il mitra per la canna, aspettandomi, malgrado tutto, una qualunque reazione. Ogni uomo normale avrebbe pensato di difendersi ma Mussolini era al di sotto di ogni uomo normale e continuava a balbettare, a tremare, immobile con la bocca semiaperta e le braccia penzoloni. Chiamo a voce alta il Commissario della 52a che viene di corsa a portarmi il suo Mas. Adesso gli sono di fronte, come prima: egli non si è mosso, continua il suo balbettio di invocazione. Vuol salvare solo quel grosso corpo tremante. E su quel corpo scarico cinque colpi”.

“Il criminale si afflosciò sulle ginocchia, appoggiato al muro, con la testa reclinata sul petto. Non era ancora morto, gli tirai una seconda raffica di quattro colpi. La Petacci, fuori di sé, stordita, si mosse confusamente, fu colpita e cadde di quarto a terra. Mussolini respirava ancora e gli diressi, sempre col Mas, un ultimo colpo al cuore. L’autopsia constatò più tardi che l’ultima pallottola gli aveva troncato netto l’aorta. Erano le 16.10 del 28 aprile 1945”.

Fonte: Il Giornale

28/4/2016

9 thoughts on “LA TESTIMONIANZA CHOC DEL PARTIGIANO CHE HA UCCISO MUSSOLINI

  1. che fenomeno di colonnello, l’avrei fatto subito Generale. Oltre a non saper maneggiare le Armi, fa schifo anche ad ammazzare a sangue freddo. Credo che la paura l’avesse più lui che il dux, pure le armi si sono inceppate di fronte a lui, caro comunista di merda

    1. caro Frank68 ! TVB. concordo pienamente con te. ste merde comuniste puzzano anche da morte. W il DUCE sempre !

  2. A parità di comportamento, senza essere schierati … cosa dovremmo fare a chi ci governa ora ??
    cosa c’è poi di sconvolgente in questo racconto? a parte il vomito che mi viene?
    delinquenti partigiani !! come ora del resto.
    VERGOGNA !!!

    1. grazie Moreno ! concordo pienamente.. erano e sono sempre solo diarrea rossa…

  3. Il diavolo che aveva in corpo si è difeso fino in fondo. Ma il suo destino era segnato come quello di tante vittime per mano sua.

  4. Il partigiano che ha assassinato IL DUCE non è altro che un volgare delinquente che abusando del suo stato di futuro liberatore della sua patria, ha deliberatamente commesso un duplice omicidio, vendicandosi così del tempo che ha perduto per aver LUI creato un baluardo contro i compagni comunisti. Non dimentichiamo cosa hanno fatto allo Zar ed alla sua famiglia.

  5. Questo è il racconto di uno sporco assassino che ha ucciso a sangue freddo. Di cui per farsi forte svilisce il nemico. Valerio. salutami Satana che vedi quotidianamente.

Comments are closed.