Il papà imballa le cose di sua figlia che è morta di cancro, poi scopre un segreto che gli strappa il cuore

Un’ode alla vita, alla felicità, all’amore. La lettera di una ragazzina inglese ai genitori scritta prima della sua morte su un pannello in camera. Il dolore è immenso: Dean e Caroline Orchard, della città inglese di Leicester, hanno appena perso la propria figlia. Aveva solo 13 anni. I genitori entrano nella sua cameretta per prendere un paio di cose e, quando spostano il grande specchio sulla parete, non credono ai propri occhi. Ecco come riporta la vicenda Meteoweb

E il messaggio di 3 mila parole, scoperto dai genitori dopo la morte della ragazzina e reso noto alla stampa, colpisce come un inno alla vita. “Forse non conta l’happy end, forse a contare è la storia”, scrive Athena. “Sii felice. Sii grato perché esisti”. Athena Orchard di New Parks, a Leicester, era stata colpita da un osteosarcoma a 12 anni: la malattia era arrivata poco prima del Natale scorso, e la bambina era stata sottoposta a un intervento di emergenza di 7 ore e mezza per rimuovere il tumore dalla spina dorsale.

Mesi di chemioterapia per bersagliare il cancro le avevano fatto perdere la forza, ma non ne avevano fiaccato lo spirito: “La differenza tra ordinario e straordinario è un piccolo extra”, scrive dietro lo specchio. E ancora: “Ogni giorno è speciale così fai il più possibile. Potresti prenderti una malattia mortale domani, dunque dai il massimo ogni giorno. La vita è cattiva solo se tu la rendi cattiva”. “Ho iniziato a leggere, ma poi mi sono dovuto fermare. Era troppo, mi spezzava il cuore”, ha raccontato il padre Dean, 33 anni, al ‘Daily Mail’.