La Polizia chiude per 10 giorni un esercizio etnico.

Nel pomeriggio odierno personale della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale ha notificato il provvedimento di chiusura – emesso dal Questore di Prato –   di un esercizio commerciale “etnico” di somministrazione di alimenti e bevande sito in via Cesare Guasti per un periodo di 10 giorni in ottemperanza all’art. 100 del T.U.L.P.S.

L’adozione della misura di natura prettamente cautelare e di carattere amministrativo si è resa necessaria in relazione alle numerose e frequenti identificazioni di avventori pregiudicati e pericolosi la cui presenza rappresenta indice di pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica, nonché altresì determinata dal verificarsi di liti e accesi diverbi scaturiti all’interno del locale e proseguiti al di fuori che hanno creato pregiudizio per l’incolumità pubblica.

Il provvedimento adottato nella circostanza, ha lo scopo di produrre effetti dissuasivi su persone pregiudicate o pericolose, dedite alla commissione di reati la cui presenza determina un contrasto con le esigenze e le aspettative di sicurezza della collettività, considerate superiori e prioritarie rispetto all’interesse privato.

 

Roma, 6 maggio 2016