Sapete che si può ottenere il rimborso IVA sulle bollette? Chi può richiederlo e come

Scopri come richiedere il rimborso IVA sulle bollette della luce e del gas evitando una doppia tassazione che molti cittadini ignari stanno continuando a pagare

Sapevate dell’esistenza del rimborso IVA sulle bollette della luce e del gas? Il caso è esploso su tutti i media dopo il ricorso fatto da un cittadino del Veneto contro la nota azienda dell’ Enel, erogatrice del servizio di energia elettrica. Al termine di un procedimento durato cinque mesi, il cittadino alla fine è riuscito ad ottenere la sua vittoria.

La storica sentenza emessa dal Giudice di Pace di Venezia stabilisce difatti la presenza ingiustificata in bolletta dell’IVA sulle accise. La cosiddetta “tassa sulla tassa” è stata dichiarata illegittima dal Giudice e l’azienda Enel dovrà risarcire il cliente per aver pagato ingiustamente una somma superiore a quella dovuta.

Prima di avventurarvi in questa impresa è bene però sapere che sarà necessario assumere un avvocato e prepararsi ad una lunga battaglia, perché le cose in realtà non sono così semplici come sembrano. Tutti sanno che nelle attuali bollette è prevista la voce di spesa relativa all’Imposta sul Valore Aggiunto (IVA), un aggravio che paghiamo comunemente, ma che i liberi professionisti e le aziende possono anche scaricare. In realtà quell’imposta si rivela una doppia tassazione in quanto viene applicata anche sulle accise.

Il Giudice è arrivato a queste conclusioni in virtù di una precedente sentenza della Corte di Cassazione a Sezioni Unite (la sentenza n°3671/97), in cui era stato specificato che “salvo deroga esplicita, un’imposta non costituisce mai base imponibile per un’altra”. Partendo da queste riflessioni e dallo studio del caso, il Giudice di Pace ha emanato così il suo decreto ingiuntivo contro l’Enel.