Yara: pm, “Morta dopo lenta agonia, tra paura e dolore”

Yara Gambirasio non morì nelle fasi immediatamente successive all’aggressione ma nelle ore successive anche se stabilire la durata della sua agonia non è stato possibile. La tredicenne – ha ricordato il pm di Bergamo, Letizia Ruggeri – morì per una concausa delle lesioni subite e per il freddo.

“Avrà provato paura e dolore”, ha aggiunto il magistrato che sta ricostruendo minuziosamente tutti i passaggi dell’ indagine: dalla scomparsa di Yara, il 26 novembre del 2010 al ritrovamento del corpo esattamente tre mesi dopo.

Il pm Letizia Ruggeri, cominciando la sua requisitoria nel processo a carico di Massimo Bossetti per l’omicidio di Yara Gambirasio, ha detto che, nelle fasi iniziali dell’inchiesta, con gli investigatori “ci spaccammo la testa” per cercare di capire le ragioni della scomparsa della tredicenne.